Alla scoperta dei giardini

da | Mar 10, 2020 | Viaggi

In un momento di forti ristrettezze sul piano della mobilità, e nella speranza che prima o poi si possa tornare alla normalità, vale la pena di tener conto, per chi senza correre rischi volesse confrontarsi con la natura e non restare brutalmente confinato in casa che esistono i giardini e gli spazi verdi.
Un modo come un altro, una passeggiata all’aria aperta che può servire soprattutto a quanti non riescono a sopportare lunghi periodi di clausura.
Una panoramica è fornita da “Grandi giardini italiani”.
Ci sono gli spazi aperti del Museo nazionale di Pietrarsa, il cui giardino ospita piante provenienti da tutto il mondo e il Giardino con piante provenienti da tutto il mondo, e il Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara, a Piedomonte di Casolla (Caserta) come ‘new entry’ nel horticultural tourism.
È un settore che lo scorso anno nei grandi giardini italiani ha portato 8 milioni e mezzo di visitatori, non soltanto stranieri: i cittadini del Belpaese rappresentano circa la metà (49 per cento) di un pubblico sempre più legato ai temi del mondo delle piante e dell’ecosostenibilità.
Il movimento, coordinato da Grandi Giardini Italiani, la rete fondata nel 1997 per valorizzare il patrimonio botanico, paesaggistico e artistico costituito appunto da parchi e giardini, oggi comprende 140 giardini, in tutta Italia ,divisi in 14 regioni.


Alla rete, aderiscono anche e la Reggia di Caserta, Castel Gandolfo, Sacro Bosco di Bomarzo e Le Isole Borromee. In Campania, aderiscono a Grandi Giardini Italiani anche i Giardini La Mortella e il Parco Idrotermale del Negombo sull’isola d’Ischia; e Villa San Michele sull’isola di Capri.
L’elenco nazionale è sul sito www.grandigiardini.it.
“Quello verde è un turismo fuori dalle abituali rotte, tutto da scoprire – ha detto Judith Wade, fondatrice di Grandi Giardini Italiani – Noi permettiamo di organizzare una visita in piena comodità, visitando giardini con un alto livello di manutenzione. Il network è un fiore all’occhiello dell’offerta turistica italiana che dura 9 mesi all’anno”.
La crescita del turismo culturale green ha portato anche alla creazione di nuovi posti di lavoro, in grado di sostenere la crescita delle proprietà, diventate a loro volta delle piccole imprese.

Turismo, ecco come funziona

Turismo, ecco come funziona

di Francesco Spinosa * Il turismo è stato sempre un po’ considerato la “ cenerentola” dell’economia italiana, ma mai come in questi giorni, dominati dal dibattito sul Covid-19 e le sue ripercussioni sull’economia, si nota la confusione che regna sovrana sui media. Si...

Moby e Tirrenia: fino al 19 marzo super sconto per i Super Papà

Moby e Tirrenia: fino al 19 marzo super sconto per i Super Papà

Più veloce di Bugs Bunny, più simpatico di Titti e Silvestro, più ricco di superpoteri di Superman e Batman. Tutti personaggi che, insieme a molti altri, stanno sulle fiancate delle navi Moby e Tirrenia. Ma ora, grazie a Moby e Tirrenia, i Super Papà salgono a bordo....

Moby e Tirrenia, confermata la parternship con Escursi.com

Moby e Tirrenia, confermata la parternship con Escursi.com

Sconto del 10% ai clienti delle due compagnie per gite in barca, trekking, cicloturismo, tour archeologici Escursionisti pronti al via non appena i traghetti Moby e Tirrenia calano il portellone in porto. Le due compagnie del Gruppo Onorato hanno infatti confermato e...

Centro Velico Caprera: sintesi di passioni per Moby e Tirrenia

Centro Velico Caprera: sintesi di passioni per Moby e Tirrenia

Per Moby e Tirrenia il legame con la Sardegna e quello con il mondo della vela non sono una questione commerciale e tantomeno un fattore episodico. Sardegna e vela sono qualcosa di insito nel DNA delle compagnie, un asse fondante nella storia del Gruppo Onorato...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te