I candidati disertano il concorso ma De Luca non lo sospende

da | Mar 8, 2020 | Cronaca

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca è finito nella bufera. E vi è finito perché si è ostinato a voler proseguire, nonostante tutte le controindicazioni, nelle procedure concorsuali in atto nella regione.
Per poter affrontare questo argomento con la dovuta delicatezza che esso impone bisogna partire da una premessa. De Luca, meritoriamente, ha sbloccato il turn over che da anni paralizza l’attività non solo di consiglio e giunta della Regione, ma di quasi tutti gli enti locali. Ha organizzato due concorsi, uno riservato ai diplomati ed un altro i laureati, che prevedono l’assunzione di più di duemila giovani, che andranno ad occupare i posti vacanti negli enti locali. Ma non è stato fortunato. Perché si è affidato al Formez, un ente sperimentato e sulla carta di assoluto affidamento, ma che nella circostanza è venuto clamorosamente meno, allungando all’infinito e senza alcuna logica i tempi di svolgimento delle procedure. E non è stato fortunato anche perché l’arrivo del Coronavirus ha complicato tutto: i candidati, che avevano superato il test si sono spaventati e solo in pochi si sono presentati alle prove scritte. Mentre, contemporaneamente, altri candidati esclusi dai test hanno presentato ricorso al Tar lamentando l’uso improprio di telefonini durante le prove e sono stati ammessi dai giudici amministrativi alle prove scritte, sub condizione, cioè bisognerà attendere ottobre per discutere il merito. Di fronte a questi problemi da più parti era stato chiesto al presidente della Regione di sospendere le prove, ma De Luca si è fermamente opposto, giustificandosi con il proposito di garantire al più presto possibile la copertura dei posti vacanti. Il che risponde effettivamente, come detto, ad una necessità urgente. Esistono alcuni settori del consiglio regionale, ad esempio, quasi paralizzati per mancanza di personale.


Quella che era una polemica bloccata sul cosiddetto “concorsone” ha ricevuto nuova linfa proprio in queste ore. Perché nel frattempo sono partite le prove per l’altro concorso, a 650 posti, sempre diviso fra laureati e diplomati, per i Centri per l’impiego. Il dilagare del Coronavirus avrebbe suggerito il rinvio delle prove, ma De Luca anche in questa circostanza ha tirato diritto. A chi gli ha opposto i rischi cui sarebbero andati incontro i candidati ha replicato: “Abbiamo sistemato i banchi a distanza regolare, i locali sono stati igienizzati, abbiamo preso tutte la cautele per non far correre pericoli di contagio”. E le prove giovedì sono cominciate regolarmente ed andranno avanti fino a fine mese. Con un problema, però: che giustamente gran parte dei concorrenti non si è fidata delle parole di De Luca e non si è presentata. Ed ora annunciano ricorsi, perché l’infezione da Coronavirus avrebbe dovuto far sospendere il concorso sulla basse anche del decreto del governo. Insomma anche questo secondo concorso non avrà pace, tra polemiche e ricorsi.
E se De Luca può opporre più o meno convincenti ragioni al proseguimento del “concorsone”, già avviato ed urgente per coprire i vuoti in organico, oggettivamente questa fretta non la si riscontra per il nuovo concorso per i centri per l’impiego. L’opposizione ha facile gioco: De Luca è in campagna elettorale e non vuol perdere l’occasione di ingraziarsi un po’ di giovani elettori. Ma se così fosse, avrebbe fatto un clamoroso autogol.

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te