I candidati disertano il concorso ma De Luca non lo sospende

da | Mar 8, 2020 | Cronaca

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca è finito nella bufera. E vi è finito perché si è ostinato a voler proseguire, nonostante tutte le controindicazioni, nelle procedure concorsuali in atto nella regione.
Per poter affrontare questo argomento con la dovuta delicatezza che esso impone bisogna partire da una premessa. De Luca, meritoriamente, ha sbloccato il turn over che da anni paralizza l’attività non solo di consiglio e giunta della Regione, ma di quasi tutti gli enti locali. Ha organizzato due concorsi, uno riservato ai diplomati ed un altro i laureati, che prevedono l’assunzione di più di duemila giovani, che andranno ad occupare i posti vacanti negli enti locali. Ma non è stato fortunato. Perché si è affidato al Formez, un ente sperimentato e sulla carta di assoluto affidamento, ma che nella circostanza è venuto clamorosamente meno, allungando all’infinito e senza alcuna logica i tempi di svolgimento delle procedure. E non è stato fortunato anche perché l’arrivo del Coronavirus ha complicato tutto: i candidati, che avevano superato il test si sono spaventati e solo in pochi si sono presentati alle prove scritte. Mentre, contemporaneamente, altri candidati esclusi dai test hanno presentato ricorso al Tar lamentando l’uso improprio di telefonini durante le prove e sono stati ammessi dai giudici amministrativi alle prove scritte, sub condizione, cioè bisognerà attendere ottobre per discutere il merito. Di fronte a questi problemi da più parti era stato chiesto al presidente della Regione di sospendere le prove, ma De Luca si è fermamente opposto, giustificandosi con il proposito di garantire al più presto possibile la copertura dei posti vacanti. Il che risponde effettivamente, come detto, ad una necessità urgente. Esistono alcuni settori del consiglio regionale, ad esempio, quasi paralizzati per mancanza di personale.


Quella che era una polemica bloccata sul cosiddetto “concorsone” ha ricevuto nuova linfa proprio in queste ore. Perché nel frattempo sono partite le prove per l’altro concorso, a 650 posti, sempre diviso fra laureati e diplomati, per i Centri per l’impiego. Il dilagare del Coronavirus avrebbe suggerito il rinvio delle prove, ma De Luca anche in questa circostanza ha tirato diritto. A chi gli ha opposto i rischi cui sarebbero andati incontro i candidati ha replicato: “Abbiamo sistemato i banchi a distanza regolare, i locali sono stati igienizzati, abbiamo preso tutte la cautele per non far correre pericoli di contagio”. E le prove giovedì sono cominciate regolarmente ed andranno avanti fino a fine mese. Con un problema, però: che giustamente gran parte dei concorrenti non si è fidata delle parole di De Luca e non si è presentata. Ed ora annunciano ricorsi, perché l’infezione da Coronavirus avrebbe dovuto far sospendere il concorso sulla basse anche del decreto del governo. Insomma anche questo secondo concorso non avrà pace, tra polemiche e ricorsi.
E se De Luca può opporre più o meno convincenti ragioni al proseguimento del “concorsone”, già avviato ed urgente per coprire i vuoti in organico, oggettivamente questa fretta non la si riscontra per il nuovo concorso per i centri per l’impiego. L’opposizione ha facile gioco: De Luca è in campagna elettorale e non vuol perdere l’occasione di ingraziarsi un po’ di giovani elettori. Ma se così fosse, avrebbe fatto un clamoroso autogol.

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Martedì scorso gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti all’interno della stazione metropolitana di piazza Amedeo per la segnalazione di una tentata rapina commessa da un uomo armato di un coccio di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te