Virus, le precauzioni del dentista

da | Mar 7, 2020 | Salute

Dal dentista ai tempi del Coronavirus. Ne parliamo con l’odontoiatra napoletano Domenico Monda.


Dottor Monda, la paura di un ipotetico contagio da Coronavirus, attanaglia anche i pazienti del dentista. Cosa si sta facendo per tranquillizzarli prima di farli sedere sulla poltrona?
“Innanzitutto voglio sottolineare che, a livello nazionale a mio giudizio si sta facendo troppo terrorismo. Un terrorismo che, invece, non c’è stato per epidemie molto più pericolose. Mi riferisco a colera, aviaria, mucca pazza, Non c’è mai stato tanto allarme. Ma andiamo per ordine. Oltre alle norme igieniche che applichiamo abitualmente e da sempre nel nostro studio, da che è scattata l’emergenza, sottoponiamo i nostri pazienti ad un’anamnesi più dettagliata”
Vale a dire?
“Come è noto il soggetto con Coronavirus nelle settimane precedenti alla manifestazione della malattia può infettare. La manifestazione del virus, insomma, pur non essendo evidente, può essere trasmessa da un soggetto apparentemente sano. Pertanto ci informiamo se ha avuto episodi febbrili negli ultimi quattordici giorni, se ha effettuato viaggi in zone a rischio, sia in Italia che all’estero, o se ha avuto contatti con persone “cosiddette a rischio”. Protocolli internazionali suggeriscono inoltre di sottoporre l’assistito a un semplice test: ovvero far trattenere il respiro per una ventina di secondi. Se il paziente ha un interessamento broncopolmonare, la conseguenza è un colpo di tosse. A quel punto ci allertiamo”.
Che tipi di presidi stanno utilizzando i suoi collaboratori?
“Solitamente utilizziamo mascherine a filtraggio normale. Per questa emergenza ho dotato il personale di mascherine “Ffp3”, vale a dire con potere filtrante elevato. Come detto le indossa tutto il personale e, per non allarmare ulteriormente il paziente, le copriamo con una mascherina “normale” standard. Inoltre indossiamo occhiali di protezione, tipo maschera subacquea, finalizzata alla massima prevenzione. Si chiamano “En166ce”. Esse permettono di far uscire il vapore della sudorazione, ma non fanno entrare aria esterna. Tutti i nostri collaboratori hanno sempre a portata di mano del gel Amuchina. E poi indossiamo camici monouso ad alto filtraggio sui camici che portiamo normalmente. Dopo ogni paziente il monouso viene sostituito. I pazienti, invece, al momento dell’ingresso in studio vengono dotati di copriscarpe monouso”.
E in quanto alla sala d’attesa, come si fa a evitare l’affollamento dei pazienti?
“Abbiamo ridotto ovviamente il numero di visite. Anche perché, tra un paziente e un altro, impieghiamo circa un quarto d’ora per far areare le sale e per sanificare tutte le superfici con detergenti dedicati. Inoltre evitiamo che nella sala operativa ci siano accompagnatori del paziente oltre al personale sanitario. Se si tratta di un minore, autorizziamo l’ingresso a uno solo dei genitori. Insomma, niente sala d’attesa, appuntamenti dedicati: e se il paziente “sgarra”, nel senso che arriva tardi vuol dire che se ne ritorna a casa. Il gel Amuchina è a disposizione oltre che del personale anche dei pazienti”.
Altre precauzioni?

“Effettuiamo la sanificazione dell’aria condizionata e climatizzatori a giorni alterni. Teniamo lo studio a ventiquattro gradi per assecondare la teoria secondo cui il virus muore a temperature elevate. Abbiamo dotato le sale operative e tutti i locali di lampade uv che sanificano l’aria. Per le terapie di radiofrequenza usiamo mascherine monouso sotto le piastre. Dopo ogni trattamento le piastre sono trattate con gel sterilizzante”.
Insomma, oltre alla normale prevenzione, seguendo le regole di disinfezione e i protocolli di sterilizzazione dello strumentario, lo studio si è organizzato per affrontare l’emergenza Coronavirus.
“Certo. Inoltre ogni due ore operatori e personale tutto prende tisane bollenti e chiediamo al paziente di usare un collutorio con acqua calda, quasi bollente, facendo nostre le indicazioni che quotidianamente arrivano a livello nazionale. Esortiamo tutti a non toccarsi occhi, bocca e naso se non dopo essersi lavati le mani. Infine i locali vengono ossessivamente bonificati con un disinfettante specifico come da protocollo antecedente alla emergenza. E consigliamo al personale di studio di fare uso di terapie per potenziare sistema immunitario”.

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

L’esposizione al sole è fondamentale come medicina naturale sia per grandi che per piccini, ha davvero molti diversi benefici. Pensare solamente che già solo far entrare il sole nelle nostre case dalle finestre la mattina ha un forte potere rigenerante e tonico,...

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Primo intervento in Europa da quando il dispositivo ha superato la fase di sperimentazione clinica È stato impiantato all’Ospedale Monaldi di Napoli, per la prima volta in Europa dopo la fase di sperimentazione clinica, il primo cuore bioartificiale totale Carmat...

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Con oltre 50 protocolli attivi e centinaia di donne arruolate, Michelino de Laurentiis ha aperto nei giorni scorsi due nuovi studi. Unico, ad oggi, a livello internazionale l’Istituto dei tumori di Napoli sperimenterà farmaci innovativi nell’ambito di questi nuovi...

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica 27 giugno si terrà la seconda edizione dell’evento “La pedalata del cuore”. La manifestazione nasce con il chiaro intento di sensibilizzare le persone, incentivando l’attività fisica e promuovendo, nell’occasione, una passeggiata in bicicletta. “Se ascolto il...

Viaggi della speranza? Anche no!

Viaggi della speranza? Anche no!

In tempo di pandemia, in Campania si riscoprono le eccellenze per la cura delle patologie cardiovascolari Nel 2020 si è registrata una diminuzione dei viaggi della speranza verso le regioni del Nord per quel che riguarda gli interventi relativi all’apparato...

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Seri conflitti di coppia esacerbati dalla convivenza obbligata, distruzione della routine domestica, insicurezza economica per le famiglie ed ecco che la pandemia può vestire i panni dell’’orco’, costituendo un fardello pesantissimo per bambini e adolescenti. Diversi...

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

 I pazienti con mieloma multiplo sono tra i più fragili nei confronti del Covid-19. Non solo perché se contagiati hanno un maggior rischio di andare incontro a complicanze gravi, soprattutto polmoniti, ma anche perché devono spesso recarsi in ospedale per controlli e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te