I numeri danno ragione a Rino

da | Mar 7, 2020 | Calcio Napoli

È il momento di riflessioni, come sempre accade quando capitano situazioni e avvenimenti che mettono a dura prova le coscienze e le vite di molte persone. Il mondo del calcio, dopo le solite figuracce di Lega e presidenti vari e l’inerzia di politici incapaci anche del minimo buon senso, è stato messo d’accordo dalla decisione di un comitato composto da uomini di scienza che hanno “consigliato” il governo a varare un ulteriore decreto ministeriale con il quale sono state vietati assembramenti, avvenimenti e riunioni pubbliche in un momento tanto delicato per il Paese. Si giocherà il campionato, dunque, tra stasera e domani, perché lo spettacolo deve andare avanti, ma si giocherà senza spettatori, con buona pace di chi o di coloro che pensavano ad incassi milionari strafregandosene della salute della gente.


Momento di riflessione, dunque, per pensare e magari programmare un futuro migliore e anche meno incerto. Anche per il Napoli, che domani non giocherà avendo già disputato la gara contro il Torino per la ventiseiesima giornata di campionato, e potrà concedersi un turno di riposo che, tutto sommato, visto il tour de force delle ultime tre settimane, con 6 partite disputate tra Campionato, Champions e Coppa Italia, consentirà agli azzurri di tirare un po’ il fiato in vista delle impegnative trasferte di Verona e barcellona, snodi importantissimi della stagione. In particolare per Rino Gattuso. L’ex tecnico del Milan è approdato sulla panchina azzurra alla sedicesima giornata e l’esordio non fu certo dei più felici vista la sconfitta interna rimediata contro il Parma. Da allora il Napoli e Gattuso hanno disputato altre 14 gare (10 di campionato, 3 di Coppa Italia e una di Champions) per un totale di 15 con uno score di 9 vittorie – 6 in campionato e 3 in Coppa Italia – poi 1 pareggio, contro il Barcellona – e 5 sconfitte, tutte in campionato e di cui ben 4 al San Paolo. In totale 28 punti conquistati, 13 in casa, contando le 2 vittorie in Coppa Italia e il pareggio contro il Barcellona e 15 in trasferta, frutto di 4 vittorie in campionato più la vittoria di Coppa a San Siro contro l’Inter. Con un totale di 22 reti realizzate – 9 fuori casa – e 18 subite – 13 in casa-.


Uno score che, a dispetto del disastroso inizio, ha portato Gattuso ad avere una media punti a partita di 1.86 contro l’1.47 di Ancelotti nelle sue 21 partite stagionali (15 di campionato e 6 di Champions), prima dell’esonero “concordato”. Un cammino, quello del tecnico calabrese, che merita un’attenta chiave di lettura su come abbia rimodellato il Napoli in una versione molto diversa da quella che voleva Ancelotti. Ripartito con la certezza del tridente ha subito compreso che il Napoli doveva e poteva imparare a migliorare la fase difensiva e di non possesso sicuramernte sotto l’aspetto tattico ma anche sotto quello dell’attenzione e della concentrazione per poi poter diventare più concreto e propositivo nella manovra sia di ripartenza che d’attacco che doveva diventare più svelta e veloce. Le sconfitte interne, ultima quella contro il Lecce, hanno ulteriormente convinto il tecnico che il problema era l’indolenza della squadra e dei singoli nella fase difensiva, con errori grossolani di posizionamento, nello scivolamento dei difensori e nella copertura dei centrocampisti. Gattuso, tra richiami, strigliate dure e richieste di ricerca dell’equilibrio, ha riportato squadra e singoli alla realtà, agganciandola a quel sano pragmatismo e alla concretezza che lo contraddistinguevano da giocatore. In questo modo è nato il Napoli con 10 uomini sotto la linea della palla ma anche capace di ripartenze fulminee e letali, come contro l’Inter e il Barcellona. Un Napoli che sembra avere delle certezze e soprattutto che sa cosa fare e come farlo, a prescindere dagli uomini che vanno in campo. Una squadra, insomma, che ha ritrovato compattezza e coesione come qualche stagione fa. E con la voglia di giocare per vincere e divertirsi anche sapendo soffrire. Gattuso le ha restituito serenità e ridato la spinta per cercare di raggiungere obiettivi fino a due mesi fa ritenuti un “miraggio”. Sarà poco aziendalista, ma il Napoli tutto, intendo società oltre la squadra, deve seguirlo. È questo il semplice assioma valido per tutto il resto. In questo momento un allenatore così diventa una risorsa in più anche per la società. Anche perché, avendo vinto coppe e scudetti, sa come si fa. Ha dimostrato con i fatti di saper migliorare squadra e singoli convincendoli al sacrificio, sollecitandoli senza giustificarsi o giustificarli. Il Napoli che vuole rilanciarsi ha bisogno di un tecnico così. Sempre umile e determinato. Lo dicono anche i numeri!

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te