Essere napulitane nunn è “fa’ ’e napulitane”

da | Mar 5, 2020 | Cultura&Spettacolo

di Ermete Ferraro

’Ncopp’ô ‘Matino’ ’e dummeneca passata aggio truvato na spassosa intervista che Titta Fiore facette a Vvicienzo Salemme: “Che ffatica a essere Napulitane Verace”. Leggennola m’è subbeto vvenuto a mmente ’o primmo d’ ’e trentacinche articule ‘nNapulitano ch’aggio scritto fin’a mmo pe ’stu ggiurnale: “Nun è na cosa semprece essere napulitane”. L’êvo ’ntitulato accussì pecché parlava ’e comme l’identità napulitana sta currenno ’o riseco d’essere scancellata d’ ’a globbalizzazzione, doppo nu seculo e mmiezo ’e culunizzazione vestuta ’a ‘unnetà d’Italia’. Tanno arricurdavo, citanno ô pueta siciliano Ignazio Buttitta, ca nu populo addeventa overamente povero – e sse perde pe ssempe – quanno se fa’ arrubbà pure ’a lengua soja. L’identità, ’o DNA ’e nu populo, ’nfatte sta dint’ê pparole che isso ammazzuccaje pe ssecule comm’a nu tesoro prezziuso e cche ppirciò avimm’ ’a pruteggere e ccunzervà p’ ’e figlie nuoste.


Però chello che ddiceva Salemme, intervistato ’ncopp’ô libbro ch’êva scritto, era ’ncopp’a ttutto nu sfottò pe cchille che vanno arripetenno ’e sòlete stereotipe azzeccate ’a sempe ’ncuollo ê Napulitane, comme si na cultura ’e quase 2500 anne se putesse arreducere a quatto fessarie. Comme si, p’essere e addimustrarce Napulitane verace, avarriam’a essere sempe “cchiù ssimpatiche, cchiù ottimiste e cchiù spassuse”. Pe cce fa’ capì cchiù mmeglio, Salemme facette n’elenco assaje sfizziuso ’e tuttequante ’e requisite c’ ’a ggente ’e Napule avesser’ ’a tènere afforza: bevere ’o ccafé vullente; magnà raù â ddummeneca e ccapitone a Nnatale; sapé cantà a ffronna ’e ccanzone tradizzunale e ssunà ’o mandulino; magnà sempe cu ppiacere ’a pizza; tifà p’ ’a squadra d’ ’o Napule; prià a ssan Gennaro; recità a mmente ‘A livella ’e Totò; preferì ’o presepio ’mméce ca ll’arbero ’e Natale; avantarse d’ ’o Vesuvio e ’e Pulicenella; sapé che ssignificano tutt’ ’e nummere d’ ’a Smorfia; canoscere ’a ddifferenza ’nfra ’a muzzarella averzana e cchella ’e Battipaglia… ’Nzomma, na filera esaggerata ’e rèole che cce arreduceno a na specie ’e macchietta: mmascare faveze, no pperzòne verace. “Sarrìa cchiù mmegglio a sse libberà ’e ’sta priggione e rrisciatà libberamente – dicette l’attore – ascì d’ ’a gajola d’ ’e stereotipe addò stesso nuje ce simmo ’nzerrate…pecché ’e ttradizziune so’ bbelle quanno songo spuntànie. Nun te puo’ ssentì ubbrecato a ’e rrispettà…” Justamente, dicette pure ca se tratta ’e na reazzione â perdeta d’identità che cce vene propio d’ ’a globbalizzazione, spiecanno ca rrispettà ’e rràdeche noste nun vo’ manco dicere ’nzerrarse dint’a cchell’identità. Essa ha dd’a essere sincera, verace, pecché na cosa è “essere Napulitane” e n’ata “fa’ a parta d’ ’e Napulitane”. Se ’mmustà spassuse e ssimpateche nun po’ addiventà na specie ’e cundanna, ma è na cosa naturale, che nun ce fa divierze a ll’ate pecché – cuncrure Salemme – “ ’e ll’ata ggente nu’ vvoglio sapé d’addò veneno, ma addò se sònnano e se nne jì’…”.
Nun scurdammoce manco ’a lezzione ’e nu gruosso filosofo d’ ’a ‘napulitanetà’ comm’a Luciano De Crescenzo, che cu chillo famuso rumanzo sujo ce facette scuprì cu ironia ’o munno ’e n’abbasato napulitano d.o.c. comme ’o prufessore Bellavista. Isso spiecàva a chille che lle stevano attuorno: “…Ll’uommene …se sparteno ’nfra uommene d’ammore e ’e libbertà, siconno si lle piace ’e campà abbracciate l’une cu ll’ate o ’mméce ’e se nne sta’ sule sule, pe nn’essere scucciate”. È na bella definizzione, però spartere ’a ggente p’ ’o fatto che sceglieno ’a libbertà o l’ammore nunn abbasta. Int’a na succità glubbalizzata comm’ ’a nosta – ’o ddiceva stesso De Crescenzo – ce serveno tutt’ ’e dduje. L’ammore, pe nnu’ pperdere l’umanità e ’a solidarietà nosta, e ’a libbertà, pecché senza deritte e dduvere nu’ gghiammo a nnisciuna parte.
E nemmanco ce scurdammo ’a scenetta d’ ’o film ’e Massimo Troisi “Ricomincio da tre”, addò ’o prutagonista nu’ sse puteva ffa’ ccapace ca, sulo pecché era nu napulitano che vviaggiava, ’a ggente penzavano ca êv’a essere afforza n’emigrante… ’A verità, stammo ancora mo chine ’e stereotipe, però si ssulo tenimmo mente ’a comicità ’e Troisi, chella ’e Totò e chella ’e Salemme – tuttequante Napulitane d.o.c. – capimmo ca ’e pperzone nun so’ mmascare fisse e ssemp’eguale e ca ll’identità nun s’ha dda trasfurmà int’a na gajola che ce tene attrappuliate. Essere napulitane, ’nzomma, vo’ dicere ca tenimmo ’o privileggio ’e ce purtà appriesso nu patremmonio culturale e lenguisteco overo unneco, no pp’ ’o ttènere ’mbarzamato, ma p’affruntà chello che ce sta capitanno cu ll’accurtezza che cce vene a secule ’e storia. E scusate si è ppoco…

Happening di scrittori  nella cornice di Sant’Angelo

Happening di scrittori nella cornice di Sant’Angelo

Sabato 17 luglio 2021, nella suggestiva cornice del molo turistico “Pablo Neruda” di Sant’Angelo d’Ischia, ventotto tra scrittori, imprenditori, artisti, docenti, autori emergenti ed esperti di comunicazione saranno i protagonisti della diciassettesima edizione del...

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te