Ma che cosa ha Koulibaly?

da | Mar 4, 2020 | Calcio Napoli

Proprio quando sembrava che potesse riaggregarsi al gruppo e cominciare di nuovo a respirare aria quanto meno di panchina ecco che le indiscrezioni provenienti dal fortilizio inaccessibile di Castelvolturno parlano della necessità di allungare i tempi. Koulibaly non è ancora abile e arruolabile, scartata l’ipotesi di una convocazione per l’Inter, forse lo rivedremo in campo a Verona, quando e semmai riprenderà il campionato.
Questo ulteriore prolungamento dei tempi di recupero pone inquietanti interrogativi. Sia sul futuro del calciatore, che sul sistema comunicazione del Napoli. Che cosa ha Koluibaly? È mai possibile che, andato via il dottor De Nicola, non si riesce a capire mai con certezza di che tipo di infortunio soffrano i giocatori del Napoli?


Nel caso di Koulibaly, poi il segreto è ancora più misterioso.
Il ragazzo, come ricorderete, si fece male il 14 dicembre al San Paolo, quando nel goffo tentativo di rincorrere uno scatenato Kulusewski del Parma, fece una mossa sbagliata e si accasciò al terreno, mentre l’avversario filava tranquillamente in porta. Da quel giorno dopo oltre un mese di stop, dichiarato guarito, lo rivedemmo in campo nella malaugurata partita con il Lecce. Per i medici del Napoli era guarito, forse (e senza forse) Gattuso fu precipitoso nello schierarlo titolare dopo un’assenza così prolungata. Fatto sta che Koulibaly giocò maluccio e tornò quindi tra le riserve, in attesa, si disse, che potesse recuperare la miglior condizione di forma. Ma nessuno ha mai detto che in effetti, come sembra ora, era incorso in un nuovo infortunio muscolare, per cui c’era bisogno di un’altra lunga convalescenza. Questa della mancanza di trasparenza nella comunicazione è uno dei grandi nodi irrisolti della gestione De Laurentiis. Le responsabilità del buon Nicola Lombardo, che di questo settore è il responsabile, sono ovviamente ridotte.
È don Aurelio che comanda, è lui che traccia le linee guida. Ed è lui che ha imposto al povero Nicola anche qualche scivolone deontologico, quando ha preteso di voler scegliere i giornalisti che potessero presenziare alle conferenze-stampa. Ma è acqua passata.
Ora questa impenetrabile cortina del silenzio è calata sulle condizioni fisiche di Koulibaly e non c’è un barlume di informazione corretta che aiuti giornalisti e tifosi a capire che cosa sia accaduto veramente a quello che fino all’anno scorso era all’unanimità riconosciuto come il miglior difensore del campionato italiano e sicuramente come uno dei top cinque a livello mondiale.
Di ritorno in campo di Koulibaly non si parla, il Napoli è ridotto al lumicino come organico di centrali. Gattuso conta ora solo su Maksimovic e Manolas, visto che di Luperto non vuol nemmeno sentirne parlare.
Koulibaly recuperato sarebbe decisivo per questo fremente finale di stagione, visto peraltro che a gennaio nessuno ha pensato, men che mai Giuntoli, a comprare un altro centrale che almeno numericamente sostituisse il partente Tonelli (che tra l’altro sta regolarmente giocando, ed anche bene, da titolare nella Sampdoria). Ma il calvario del senegalese continua e nessuno sa perché è al palo da tanto tempo. Misteri napoletani.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te