Tornano Demme e Mertens

da | Mar 3, 2020 | Calcio Napoli

Gattuso, senza le esagerazioni di Ancelotti, è ricorso ad un turn over intelligente sabato contro il Torino. Sapeva che contro l’Inter avrebbe dovuto schierare gente fresca.
E bene ha fatto, perché nel frattempo l’Inter ha saltato anche il match con la Juve ed ora si presenterà all’incontro con il Napoli del tutto riposata.
Pensate a quale sforzo fisico e mentale sarebbe andata incontro se avesse dovuto giocare domenica a Torino la partita che poteva valere quasi uno scudetto. Invece sono esattamente quindici giorni che i nerazzurri non toccano palla e il vantaggio sarà inevitabile.
Ma ormai i giochi sono fatti e Gattuso dovrà regolarsi di conseguenza. Ma con quale formazione?
Le scelte di Gattuso sono vincolate a ciò che vedrà nei prossimi due giorni durante gli allenamenti a Castel Volturno. La cosa certa è che rientreranno dal primo minuto Diego Demme e Dries Mertens.
In virtù del tour de force di questo periodo, tra quelli che potrebbero riposare ecco che spunterebbe Fabian Ruiz, decisivo con il suo gol all’andata. Per la sostituzione eventuale dello spagnolo se la giocano Allan, Elmas e Lobotka, con il primo nettamente favorito, visto che ormai è da qualche turno che non vede, se non per qualche minuto, la prima squadra.
Teoricamente Gattuso dovrebbe dare un turno di riposo a Di Lorenzo, che finora le ha giocate proprio tutte. Ma lo farà mai? In una partita che vale praticamente l’accesso alla finale di Coppa rinuncerà proprio ora al giocatore sul quale ha insistito di più? No, non lo farà, Tutt’al più lo farà respirare domenica a Verona, riproponendo Hysaj sulla sua fascia preferita, quella destra. Da valutare invece le condizioni di Koulibaly che si è riunito al gruppo e che quindi potrebbe fare la ricmparsa quanto meno in panchina. Stesso discorso per Ghoulam che in panchina è già ricomparso contro il Toro e che prima o poi sarà saggiato per qualche minuto anche sul terreno di gioco. gattuso ha necessità di capire se può o meno fare affidamento su di lui per questo finale di stagione. È difficile prevedere però che questo accada proprio contro l’Inter giovedì sera.E in casa Inter? Nuovo stop per infortunio in casa nerazzurra. Coinvolto uno dei nuovi arrivati del mercato di gennaio. L’esterno nigeriano Victor Moses è stato sottoposto, presso l’Istituto Humanitas di Rozzano, a risonanza magnetica alla coscia sinistra. Gli accertamenti hanno evidenziato un risentimento muscolare, il giocatore verrà rivalutato nei prossimi giorni. L’ex Chelsea, dunque, salterà il ritorno delle semifinali di Coppa Italia contro il Napoli.
Dopo la vittoria con il Torino al Napoli è stato concesso un giorno di riposo. Ieri, quindi, a Castel Volturno c’erano soltanto Rino Gattuso, il suo staff medico e pochi calciatori. Ma c’era anche una sorpresa, inaspettata. Si è visto un altro allenatore, un ex del Napoli, tanto caro al tecnico attuale del Napoli.
Al centro tecnico è stato avvistato Marcello Lippi, ex c.t. della Nazionale che con Gattuso in campo ha vinto la Coppa del Mondo del 2006. In vacanza a Napoli, l’ex commissario tecnico ne ha approfittato per far visita al suo vecchio pupillo.
Infine una parentesi dal forte impatto sociale. “Un piccolo gesto che può salvare una vita!”. Ha scritto così il Napoli su Twitter, pubblicando un video con Di Lorenzo e Luperto come protagonisti di una campagna per la donazione del midollo osseo: “Per ogni persona che necessita di una donazione di midollo osseo esiste una sola persona compatibilie su 100 mila”, informa il club.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te