Minore ucciso, ospedale devastato

da | Mar 2, 2020 | Cronaca

“Un atto gravissimo, esprimo la mia solidarietà nei confronti dei dipendenti”. Lo dichiara il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva, a commento del danneggiammento del pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini che ha riportato ingenti danni ad arredi e attrezzature provocati dai familiari del quindicenne ucciso sabato notte con un colpo di pistola alla testa da un carabiniere fuori servizio. Il militare era in abiti civili ed ha subito una tentata rapina in via Generale Orsini, nel quartiere Santa Lucia. Secondo le prime informazioni apprese il ragazzo era in compagnia di un complice ed era armato ma il militare avrebbe reagito alla rapina sparandogli al capo e al torace.
Il giovane è stato soccorso da un’ambulanza chiamata subito dal carabiniere ma è deceduto poco dopo l’arrivo in ospedale. “Il pronto soccorso del presidio ospedaliero dei Pellegrini è stato devastato dai familiari e amici del ragazzo – spiega Verdoliva -. Un fatto gravissimo per il quale esprimo solidarietà a tutti i nostri dipendenti che ancora una volta sono stati vittime di insulti e minacce, e ancora una volta hanno continuato, nonostante tutto, a prestare assistenza ai pazienti”. Il direttore dell’Asl ieri ha svolto un sopralluogo all’ospedale della Pignasecca constatando l’assenza di condizioni igienico-sanitarie a seguito dei fatti accaduti e decretando, quindi, la chiusura del pronto soccoso dei Pellegrini.


“Una misura necessaria, perché il danneggiamento dei locali impedisce lo svolgimento delle attività assistenziali di emergenza in condizioni di sicurezza, sia per i pazienti che per gli operatori – precisa Verdoliva – . I tecnici sono già al lavoro per ripristinare la situazione nel più breve tempo possibile”. In conseguenza della decisione presa dall’Asl, otto pazienti presenti nel pronto soccorso sono stati trasferiti nei reparti della stessa struttura e in ospedali vicini.
Alcuni colpi di pistola sono stati esplosi anche all’esterno della caserma Pastrengo dei carabinieri ma non si sa se rivolti all’indirizzo dell’Arma oppure di alcuni familiari del complice del 15enne morto che ieri si è costituito. Secondo la ricostruzione dai carabinieri del Comando provinciale di Napoli, il militare che ha sparato, un ventitreenne in servizio in provincia di Bologna, era in auto in compagnia di una ragazza, quando il quindicenne gli si è avvicinato armato di pistola e con il volto travisato con scaldacollo e casco. Il giovane si è avvicinato alla macchina in sella ad uno scooter insieme al suo complice, tentando gli rubargli l’orologio. Il ragazzo avrebbe puntato la pistola alla tempia del militare, che si è qualificato e ha sparato tre colpi con l’arma d’ordinanza. Sul caso indagano i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli, coordinati dalla Procura della Repubblica di Napoli. Si attende l’esito dell’autopsia.


“La morte di un quindicenne è sempre e comunque una tragedia. Ma è inaccettabile che sia stato devastato, tanto da dover sospendere l’attività, il pronto soccorso dell’Ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli”: è la dichiarazione fatta dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “Medici e infermieri devono lavorare in serenità – aggiunge de Magistris – per poter curare pazienti in emergenza. Ho più volte chiesto con forza che vi sia più vigilanza negli ospedali e nei pronto soccorso. La situazione negli ospedali è già alquanto complicata. Mai come di questi tempi è necessaria sicurezza totale! Basta parole!”. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. “Siamo stati all’ospedale Pellegrini questa mattina (ieri, ndr) innanzitutto per dare la nostra solidarietà, per sostenere e incoraggiare il nostro personale – racconta il governatore della Campania – . Non possiamo non constatare che non è la prima volta che qui si verificano atti di di aggressione e di violenza. E non possiamo non chiedere formalmente l’istituzione di un posto di polizia nel presidio, come già fatto senza ottenere risposta, da un anno e mezzo, per l’ospedale San Giovanni Bosco. Nonostante tutto, a conferma del senso di responsabilità, dell’impegno e del coraggio del personale, questa sera alla riapertura del pronto soccorso, ci saranno tutti gli operatori insieme, tutti in servizio per garantire la piena funzionalità dell’ospedale. Ancora in queste ore si sta lavorando per ripristinare le attrezzature tecniche vandalizzate o distrutte dagli aggressori”. “E desidero ringraziare – aggiunge De Luca – di cuore tutti gli operatori della sanità campana impegnati in un lavoro straordinario e di grande sacrificio ed efficienza, soprattutto in questi giorni. Non possiamo inoltre non rilevare che esiste un problema più generale di violenza diffusa e di atti di aggressione che continuano a moltiplicarsi senza che nessuno dei protagonisti di tali atti sia chiamato a risponderne. Se permane una condizione di impunità per i protagonisti di atti di squadrismo, il clima civile è destinato a peggiorare drammaticamente. Non si possono non richiamare tutte le articolazioni dello Stato – conclude De Luca – a produrre iniziative concrete ed efficaci per porre termine a questi episodi”. E se De Luca chiede un posto di polizia nell’ospedale dei Pellegrini, dalla dirigente nazionale di Fratelli d’Italia con delega allo sviluppo del Sud, Gabriella Peluso arriva la richiesta di “rafforzare la presenza dei militari delle forze dell’ordine a Napoli e, particolarmente, presso gli ospedali e le altre strutture sanitarie, abbassare l’età imputabile ed applicare pene certe ed esemplari per debellare la grave problematica delle baby gang che mina la sicurezza della nostra città e ne infanga l’immagine”.

Chiude Benincasa, il maestro del babà

Chiude Benincasa, il maestro del babà

La crisi dovuta all’epidemia e l’inesorabile incidenza dell’anagrafe hanno provocato un’altra chiusura illustre nel panorama commerciale napoletano e del Vomero in particolare. Ha abbassato le serrande in questi giorni la pasticceria Benincasa di via Suarez, un punto...

Il geologo Caniparoli  e le cause delle voragini

Il geologo Caniparoli e le cause delle voragini

Naturalmente non mancano i commenti sui social in merito al crollo al cimitero di Poggioreale. Per il geologo Riccardo Caniparoli, la causa dei crolli è la subsidenza (abbassamento del terreno dovuto a cause naturali o all’attività dell’uomo). Secondo Caniparoli, che...

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

La campagna vaccinale per la fascia di età 5 – 11 anni continua presso gli Istituti Comprensivi della Città di Napoli. Ieri, alla presenza del Vicesindaco con delega all’istruzione Maria Filippone, della Preside Teresa Sasso e dei Docenti delll’Istituto Sarria – Monti...

Trenitalia, arriva in Campania il il Frecciargento duplex

Trenitalia, arriva in Campania il il Frecciargento duplex

Arriva in Campania il Frecciargento duplex: due Frecciargento accoppiati in un unico treno, per un totale di 14 carrozze e circa 700 posti offerti a bordo. Si tratta di una prima assoluta per i Frecciargento: la composizione doppia di fatto moltiplica l’offerta di...

Caivano, accoltellamento nell’autolavaggio: arrestato 29enne

Caivano, accoltellamento nell’autolavaggio: arrestato 29enne

A Caivano i Carabinieri della locale tenenza insieme ai militari della sezione operativa della compagnia di Casoria hanno arrestato per tentato omicidio un 29enne incensurato del posto. Ieri pomeriggio un 53enne di origine pakistana è giunto presso l’ospedale di...

Anm, più del 25% di autisti assenti per Covid: corse ridotte

Anm, più del 25% di autisti assenti per Covid: corse ridotte

“La situazione emergenziale conseguenza della quarta ondata della pandemia di Covid in atto sta condizionando pesantemente anche il servizio di trasporto di superficie, a causa dell’incremento vertiginoso degli eventi di malattia tra gli autisti in gran parte...

Napoli, vendeva mascherine di provenienza ignota: sanzionato

Napoli, vendeva mascherine di provenienza ignota: sanzionato

Gli agenti del Reparto di Polizia Investigativa Centrale della  Polizia Locale di Napoli durante l'attività di controllo del territorio per la  prevenzione,  hanno sorpreso un soggetto della provincia di Salerno che in via Galileo Ferraris stava vendendo circa  4000...

Addio a Hugo Maradona, fratello di Diego: aveva 52 anni

Addio a Hugo Maradona, fratello di Diego: aveva 52 anni

È deceduto questa mattina, a poco più di un anno dalla morte di Diego Armando Maradona, avvenuta il 25 novembre 2020 a Tigre, in Argentina, anche Hugo Maradona, suo fratello. Il decesso è avvenuto per un arresto cardiaco Hugo Maradona, 52 anni, è deceduto nella sua...

Natale all’Edenlandia con Babbo Natale e i suoi aiutanti

Natale all’Edenlandia con Babbo Natale e i suoi aiutanti

Oggi, domani, il 25 e 26 dicembre,  il grande parco cittadino resterà aperto con ingresso gratuito, per un divertimento senza prezzo. Babbo Natale con i suoi aiutanti, aspetta ancora i più piccoli nella sua casetta, per la consegna della letterina e per poter scattare...

Murale di Siani, avviati i lavori. Sarà ridisegnato

Murale di Siani, avviati i lavori. Sarà ridisegnato

Sono cominciati i lavori di recupero del murale dedicato a Giancarlo Siani che si trova in via Romaniello, la strada alle spalle di piazza Leonardo al Vomero dove il giornalista del Mattino fu ucciso nel 1985. Il murale fu inaugurato nel 2016, ma in tutti questi anni...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te