Gattuso: Serve più cattiveria

da | Mar 1, 2020 | Calcio Napoli

l Napoli ha appena messo ko il Torino ma al fischio finale Gennaro Gattuso entra sul terreno di gioco visibilmente arrabbiato con la sua squadra per il gol subito da Simone Edera nel finale. Il tecnico azzurro chiede spiegazioni a Manolas, Fabian ed Elmas: qualcosa non ha funzionato nell’azione che ha portato alla rete del Torino. E Gattuso ringhia a fine partita. “Dovevamo trovare una quadra – spiega l’allenatore del Napoli – e ci servivano risultati. La squadra sta migliorando per come tiene il campo e sta in partita. Mi è piaciuta molto. Ma mi sono arrabbiato sul gol preso perché abbiamo dominato e non mi è piaciuta la sufficienza avuta negli ultimi minuti. Ma siamo una squadra viva, bella da vedere. La linea difensiva si è mossa molto bene, con compattezza. Dobbiamo continuare. Avevo tanta paura di questa partita perché avevamo speso tanto e potevano metterci in difficoltà, invece siamo stati bravi”. L’obiettivo, dunque, è chiudere prima le partite. “Abbiamo preso gol al 91esimo – dice Gattuso – non sono 10 minuti. Non dobbiamo essere superficiali, dobbiamo restare sul pezzo. Si va lì a chiudere, non si fa crossare. Non deve esserci pigrizia. A volte diamo la sensazione di non andare sul pallone col veleno e su questo possiamo migliorare. Stiamo lavorando molto sulla fase difensiva – aggiunge il tecnico azzurro – perché credo che ci fa soffrire meno e pizzicare in avanti con le mezzali. Oggi i giocatori del Torino hanno fatto fatica, erano sempre in fuorigioco. Questo ci dà dei vantaggi. Più siamo corti e più facciamo meglio. È per questo che sto dando priorità alla difesa, perché può darci dei vantaggi”.
Dopo tre vittorie di fila e con 9 successi su 15 partite sulla panchina del Napoli, Gattuso sa che sta andando nella direzione giusta. “Noi dobbiamo starci con la testa – afferma Gattuso -. Mancano quasi tre mesi alla fine. So le problematiche che abbiamo avuto e quelle che ci sono tuttora, come i rinnovi e il resto. Ma noi dobbiamo essere professionisti, lavorare e dopo si risolverà tutto. Bisogna essere squadra fino all’ultimo giorno. Io so cosa abbiamo rischiato e lo sanno anche i calciatori. Quando io parlavo dei 40 punti, credevo fortemente che dovevamo raggiungerli. Vedevo una squadra che si allenava pensando a tante cose. Invece dobbiamo proseguire su questa strada – spiega Gattuso – rispettarsi l’uno con l’altro, poi a fine anno vedremo. Questa squadra non può dimenticare le prestazioni con Lecce, Fiorentina, Parma. In queste ultime due che ho nominato c’è stato anche il mio zampino perché mi sono fatto prendere dalla mano, non eravamo pronti al tipo di calcio che volevo fare. Ci sono arrivato in ritardo. Ora sento dire che facciamo il catenaccio. Ma noi non facciamo catenaccio, lavoriamo sulle due fasi”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te