Ristoranti cinesi chiusi per protesta “contro la mala informazione”

da | Feb 29, 2020 | Cronaca

Ristoranti e negozi cinesi chiusi già da un paio di giorni, e  fino al 15 marzo, a Napoli, ma non perché si siano imposti un’autoquarantena bensì per protesta. Causa psicosi Coronavirus,  infatti,  da varie settimane  l’afflusso dei clienti è crollato. Nessuno più va a gustare il sushi tanto alla moda; nessuno più entra a curiosare nei supermarket delle meraviglie… E dunque la decisione della protesta, che è una “prima”  forma di ribellione contro la cattiva informazione.

 I cartelloni affissi sulle serrande abbassate  parlano chiaro: “Questo esercizio rimarrà chiuso affinchè si possano trovare altre forme cautelative per la mala informazione che in questi tempi aggredisce i ristoranti giapponesi”.

Alla protesta hanno aderito almeno una trentina dei  titolari dei (circa cento) esercizi cinesi e “japanese restaurant “ napoletani – che pure sono gestiti dai cinesi e hanno un  menu in parte cinese . Finora gli imprenditori lavoravano ciascuno per proprio conto, ma l’inedita preoccupante situazione che si è determinata impone la necessità di contatti e dunque un avvicinamento. “Secondo me, li smuove  anche un sentimento patriottico”, dichiara Monica Amicone, consulente digitale del titolare di tre locali storici (Sapporo, Neko, Honshu) della nostra città , la quale ci aiuta a meglio comprendere la situazione.  “Credo che abbiano avuto disposizioni  proprio dalla Cina: Adesso basta, andate in protesta”, sostiene la Amicone.   E’ dalla Cina che presumibilmente arrivano i finanziamenti per alcuni degli imprenditori. Le difficoltà spingono a ricompattarsi, nella ricerca di una soluzione…   Ma non solo.  “Uno dei miei clienti “, aggiunge la donna, “mi ha detto: Vogliamo essere vicini alla nostra patria”.

 La crisi è forte e non meno brucia la caccia all’untore. Proprio in queste settimane era prevista l’apertura di un altro ristorante cinese in piazza Fuga, al Vomero, ma probabilmente l’inaugurazione sarà rimandata. Il Coronavirus sta facendo cambiare l’economia ed anche i costumi, le mode.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te