Rinnovi, le spine di De Laurentiis

da | Feb 29, 2020 | Calcio Napoli

Ha voglia di dire Gattuso che bisogna pensare solo al Torino e poi all’Inter. Chiacchiere. Le questioni rinnovi sono un macigno sul cammino del Napoli e fino a quando De Laurentiis non le risolverà in un modo o nell’altro continueranno a pesare sull’atmosfera generale dello spogliatoio e quindi, inevitabilmente, sul rendimento.
Ma cerchiamo di esaminarle un po più da vicino. Quella più spinosa riguarda Mertens, pronto a diventare, dopo aver raggiunto Hasmisk, il cannoniere più prolifico nella storia di sempre del Napoli. Il gesto che ha fatto il folletto belga dopo aver segnato uno dei gol stile-Mertens ai mostri sacri del Barcellona è significativo. È corso verso il telecameramen baciando volutamente il segno N del Napoli sulla maglietta. Vuole restare, ci tiene a farlo, gioca con passione, è attaccato alla maglia e l’ha dimostrato. Merita la riconferma. Ma va trovato un accordo. Per comprare un calciatore dello stesso livello, integro fisicamente come lui, bisognerebbe spendere tanti soldi. De Laurentiis questo lo sa benissimo, ma la richiesta di Dries è oggettivamente alta. Otto milioni il Napoli non li ha mai dati a nessuno. Sotto traccia le trattative proseguono e chissà che una volta segnato il gol del primato assoluto giocatore e presidente non riescano la trovare la via d’intesa. Che alla fine entrambi vogliono trovare.
Sta diventando invece più difficile del previsto un’altra trattativa che invece era apparsa “tranquilla”. Riguarda Milik. Il rinnovo di contratto che si fa sempre più complicato. Le trattative per il rinnovo del contratto in scadenza nel giugno 2021 si sono arenate sulla clausola rescissoria (che l’attaccante non vuole) e sulla cifra dell’ingaggio. La richiesta è di cinque milioni di euro all’anno e il calciatore non vorrebbe inserire la clausola rescissoria da 90 milioni di euro che gli è stata proposta. L’orientamento è quindi quello di non continuare l’avventura in azzurro. Se la situazione non dovesse sbloccarsi Milik finirà sul mercato quest’estate, il Napoli non ha intenzione di perdere a parametro zero un calciatore acquistato a soli 22 anni dall’Ajax per ben 33 milioni di euro. E non avrebbe certo mancanza di estimatori. Uno come lui che se impiegato con continuità ha una media di realizzazioni spaventosa farebbe gola a molte squadre europee, anche di livello elevato.
Infine Zielinski, che dopo le discrete ultime prestazioni potrebbe ritornare a essere centrale nel progetto Napoli. Il suo contratto scade il 30 giugno del 2021 ma è possibile un ritocco contrattuale – ora guadagna 2,1 milioni di euro – con un prolungamento. Manca ancora l’accordo, ma ai primi di marzo c’è in agenda un contatto fra le parti per capire se ci sono i margini per la firma. Per Zielinski, rispetto a Milik, il dialogo è più fitto, intenso, si discute soprattutto sulla clausola rescissoria e su altri dettagli ma il Napoli sta lavorando per arrivare all’intesa con l’entourage del calciatore.
Delle tre spine-rinnovi quella di Zielinski al momento è la meno pungente.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te