Mistero Koulibaly, si allena ancora in palestra

da | Feb 27, 2020 | Calcio Napoli

Il bollettino proveniente dal fortilizio di Castelvolturno annuncia che Kalidou Koulibaly partecipa all’allenamento in parte in campo e in parte in palestra e prosegue nella tabella di riabilitazione.
Un mistero. Nessuno, infatti, ha mai informato che il giocatore, completamente ripresosi dall’infortunio patito contro il Parma (che costò la sconfitta al Napoli), e schierato nella sfortunata partita contro il Lecce, si sia poi successivamente di nuovo infortunato. Tutti avevano supposto che Gattuso lo avesse messo da parte perché non ancora al massimo della condizione atletica. Come infatti aveva palesemente dimostrato nell’impegno contro il Lecce. Da quel momento invece il miglior difensore del campionato italiano, uno dei primi al mondo in assoluto, corteggiato a suon di milioni di euro da tutte le maggiori squadre europee, è letteralmente sparito dai radar. Martedì sera ha esultato al gol di Mertens, malinconicamente dalla tribuna. C’è mancanza di trasparenza da parte del Napoli e non è la prima volta, quest’anno, che cala il segreto sugli infortuni (o presunti tali) dei giocatori. Fatto sta che qualcosa a Koulibaly deve essere accaduto, perché altrimenti Gattuso non si sarebbe avventurato a scendere in campo contro il Barcellona con il solo Luperto in panchina.
E qui torna di moda un discorso che abbiamo più volte affrontato su queste colonne. Ceduto Tonelli, sarebbe stato d’obbligo provvedere all’acquisto di un sostituto, perché è chiaro a tutti che non si possono affrontare tre competizioni solo con quattro centrali. Ma Giuntoli era affaccendato su altri obiettivi e a De Laurentiis non è parso vero di non dover mettere ancora mano alla tasca. Detto questo, resta il mistero su Kolibaly. È mai possibile che la partecipazione alla Coppa d’Africa e il ritardato rientro in Italia possano aver così compromesso il rendimento di un calciatore che tutto il mondo invidiava al Napoli? Il difensore è apparso smarrito, sempre poco concentrato, quasi che l’assenza di Albiol lo avesse privato del punto di riferimento che gli consentiva, sotto la guida dello spagnolo, di orchestrare con la sua forza devastante, tutto il reparto. Eppure nei commenti estivi l’acquisto di Manolas era stato giudicato come un suggello ad una difesa che con lui appunto sarebbe diventata impenetrabile.
Il Koulibaly di quest’anno, a prescindere dai risvolti dell’ammutinamento, è apparso invece come il Koulibaly delle prime uscite in maglia azzurra, svagato e impacciato. Che cosa gli è successo? È un interrogativo per ora senza risposta, ma che turba ovviamente Gattuso, i tifosi e soprattutto De Laurentiis, che vede sempre più affievolirsi la quotazione di un giocatore che prevedibilmente sarà intenzionato a vendere con il prossimo mercato estivo.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te