Mertens è tornato “Ciro”

da | Feb 27, 2020 | Calcio Napoli

Ormai è tornato ai suoi livelli: Dries Mertens gioca nel Napoli dal 2013 e con la rete segnata al Barcellona ha raggiunto Marek Hamsik al primo posto nella classifica dei cannonieri della storia del Napoli con 121 gol. Dopo aver saltato diverse partite per alcuni malanni muscolari e finito sul mercato per il contratto in scadenza, Dries, soprannominato Ciro dai tifosi azzurri, è tornato al centro dell’attacco partenopeo, risultando decisivo a Cagliari. Aveva segnato un gol anche contro il Brescia, poi annullato per fuorigioco. Quando arrivò a Napoli nel 2013 dal PSV Eindhoven, qualcuno aveva dei dubbi sulle sue qualità, poi pian piano, Dries ha fatto ricredere tutti. Inizialmente le sue caratteristiche principali erano quelle di un giocatore d’attacco di fascia sinistra, bravo ad accentrarsi ed a fare assist per i compagni. Nel 2016, dopo il primo infortunio di Milik, Sarri schierò Mertens centravanti e Dries seppe ripagare la fiducia del tecnico, segnando tanti gol.
Da quel momento, il suo ruolo è stato quello del centravanti. Ha messo a segno con la maglia del Napoli in partite ufficiali la bellezza di 121 reti, tra campionato e coppe. Contro il Barcellona, ha messo a segno un gran gol con un tiro a giro sul secondo palo, sfruttando un preciso assist di Zielinski. Poi, nel secondo tempo è stato costretto ad uscire dal campo per infortunio dopo aver subito un brutto fallo da parte di Bosquets. Dries, inoltre, è molto amato dai tifosi anche perché è impegnato nel sociale e, spesso, rende visita agli ammalati negli ospedali della città. Durante l’inverno si è visto spesso per le vie di Napoli impegnato a portare pizze ai senzatetto. Il suo contratto è in scadenza e, per il momento, non si conosce ancora il suo futuro. Sembra che negli ultimi giorni ci sia stato un riavvicinamento tra lui e la società per cui potrebbe anche esserci il rinnovo. I tifosi, che contro il Barcellona hanno intonato più volte il coro che era di Dieguito a Ciro Mertens, sperano che il giocatore resti a Napoli perché la sua presenza è una garanzia sia in campo sia come uomo squadra all’interno dello spogliatoio. E lo spera anche Gattuso.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te