Il metodo-Gattuso convince

da | Feb 27, 2020 | Calcio Napoli

La notte del San Paolo, anche senza vittoria, ha comunque rilanciato l’immagine di un Napoli che vuole rimuovere le incertezze e gli insuccessi di una stagione sin qui assai tormentata in campionato. E se il Napoli vuole tornare tra le “grandi” deve rinascere con dei valori, con dei principi. In questo ambito mi sembra che Gattuso abbia tracciato con chiarezza il suo modo di essere, di lavorare, di agire. Ha sempre parlato chiaro, in modo diretto, urbi et orbi. Ha recuperato la voglia “matta” di Insigne di essere protagonista da azzurro “dentro”; ha riportato sulla terra Allan, sgridandolo e punendolo come un buon padre di famiglia, chiedendogli sacrificio e sudore in allenamento. Ha aperto ad Ospina ed Hysaj senza remore ed ha “chiuso” per il momento a Meret e Lozano, due degli investimenti più importanti della società nelle ultime due stagioni. lo ha fatto senza nascondersi, umilmente ma risoluto. Ringhio ha rimesso ordine, se possibile, portando il suo carattere, la sua grinta e, perchè no, anche il suo carisma di antico gladiatore, facendosi “sentire”, dopo averli ascoltati, da qualche ragazzotto troppo fumantino e capriccioso e forse persino sopravvalutato. Ha cominciato in silenzio, sta lavorando sodo, quasi da manager, anche “contro” alcune scelte, per ora non felici, fatte dalla società in sede di mercato. Il tecnico sapeva, e lo ha detto diverse volte, di avere a disposizione gente di qualità; che però andava riorganizzata strutturalmente.


Gli innesti di gennaio, anche se Lobotka s’è visto poco finora, lo hanno aiutato a far uscire la squadra da quella specie di “fabbrica di San Pietro” che era diventata, senza certezze né punti di riferimento.
Un lavoro non da poco che sta facendo con onestà intellettuale nell’interesse del Napoli, pur trovandosi in un Napoli, inteso come società, che non sempre è stata vicino ai suoi allenatori, soprattutto se lavorano… controcorrente.
Tocca a lui, deve toccare a lui e alla squadra evitare un Napoli bifronte e renderlo unico, compatto e sinergico. Se non proprio in simbiosi totale con la societĂ , almeno in campo. Anche se solo da “traghettatore”- come venne quasi etichettato, speriamo involontariamente, da De Laurentiis in sede di presentazione – ce la può fare. E la stima e le capacitĂ  del tecnico cresceranno insieme a quella per l’uomo che, ci auguriamo, continui a fare dell’umiltĂ  e del carattere le sue armi migliori per meritarsi una conferma non ancora scontata.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te