Così il Napoli si è rialzato

da | Feb 24, 2020 | Calcio Napoli

Ci sono momenti, nella vita come pure nello sport, che giustificano tutto il resto. Nello sconforto e nella paura di queste ore scandite da ricordi di ancestrali tragedie umane causate da epidemie nate come dal nulla, esistono pure situazioni positive che devono indurre a pensare positivo per il futuro dell’intero genere umano.
E, venendo a cose di natura gran lunga meno impegnative, parliamo del Napoli che, nello sconforto di questa stagione schizofrenica, sembra aver ritrovato tra Cagliari e Brescia la continuità smarrita, facendo dimenticare le occasioni non sfruttate, i gol e i passaggi sbagliati all’ultimo tocco ed anche i molti bocconi amari dovuti ingoiare per decisioni sfavorevoli di arbitri e Var. E questi momenti, che ti tornano a riempire il cuore di gioia e di speranza, possono arrivare solo quando si pensa, ed è capitato contro il Lecce, di aver toccato il fondo e proprio non speravi più di rialzarti.
Il gol di Chancellor, sull’ennesima indecisione di una difesa che contro le squadre di rango inferiore diventa una specie di burro fuso, aveva risvegliato i fantasmi riapparsi contro il Lecce, cancellati dalla notte di San Siro per 94 minuti. È allora che pensi: si perde pure questa partita. Senti che non hai speranza perché vedi una squadra svogliata, lenta con un possesso di palla sterile e tu, Maradona, CR7 o Messi, in squadra non ce l’hai. Però non hai fatto i conti con l’anima di Gattuso, la sua natura di guerriero vero che… ringhiando, deve averne dette quattro ai suoi ragazzi, richiamandoli ad un impegno e ad un diverso atteggiamento alla ripresa del gioco. Cuore e grinta, maggiore decisione e velocità ed ecco che il Napoli si è trasformato grazie ad un Gattuso che, forse trovando un compromesso anche con se stesso, ha modificato qualcosa nell’assetto del Napoli. Perché quando ha liberato Fabian Ruiz dai compiti di interno di sacrificio restituendogli 20 metri di libertà più avanti, dandogli la possibilità di affacciarsi con continuità nella trequarti bresciana, il Napoli ha cambiato gioco e passo, ribaltando risultato e vincendo la partita anche grazie alla posizione di un Insigne che s’è offerto, da capitano, a svariare su tutto il fronte pur partendo da sinistra e lasciando spazi liberi ora ad Elmas ora a Mario Rui.


E dietro a questi due s’è svegliata dal torpore l’intera squadra, da Di Lorenzo a Mertens a Demme, cominciando a macinare gioco e a randellare palloni con efficacia e determinazione. Non è solo la vittoria di Brescia che conta. Quello che ha ridato speranza e un pizzico di ottimismo per la gara di domani sera contro il Barcellona è che il Napoli c’è, quando deve e quando vuole esserci, contro qualsiasi tipo di avversario. Il segreto di Gattuso? Le persone giuste al posto giusto. E se si riesce a vincere una partita giocando bene solo 45’, va bene così, si può essere soddisfatti. Perché se si vince e si riesce a gestire una partita diventata d’improvviso in salita, corricchiando senza mai dannarsi troppo atleticamente contro una squadra con l’acqua alla gola e provando soluzioni alternative, vuol dire che questo Napoli può ancora crescere e migliorare. In tal senso il campionato può diventare un esercizio utile per la Champions e anche per la Coppa Italia.


Dopo Brescia, in ottica Barcellona, Gattuso ha ottenuto un triplice risultato: ha rimesso la “chiesa” Napoli al centro del villaggio Europa, ha visto sbloccarsi Fabian Ruiz, che negli ultimi tempi rischiava di diventare l’oggetto misterioso e talvolta ingombrante della squadra, ed ha testato soluzioni alternative al 4-3-3 quasi a voler aumentare la possibilità di soluzioni per la squadra. Perchè il 4-3-3- resta lo spartito di base ma Gattuso ne sta provando altri, magari senza dare troppo a vederlo a criticoni e opinionisti da scrivania, a gara in corso, mettendo una punta davanti a due più dietro e centrali, con tre centrocampisti d’appoggio di cui uno è il difensore di fascia, destra o sinistra che sia. Sono semplici varianti, ma sono anche idee di un tecnico che sta studiando per migliorare la squadra e se stesso e che meritano di essere provate per non snaturare quello su cui ha lavorato e la squadra gli ha chiesto.
Domani sera, nella notte delle stelle al San Paolo, potrebbe brillare quella del Napoli, come collettivo, al cospetto di un Barcellona con molti solisti che Quique Setien, profondo estimatore di Pep Guardiola, sta cercando di far diventare nuovamente collettivo forte e dai mille spunti, ma con un Messi in più. Per l’argentino sarà la “prima” nel tempio che fu di Maradona. Paragoni impossibili tra i due, ma Diego ci metta del suo per evitare che Messi sfoderi domani una giocata di quelle che infiammarono Fuorigrotta. E non s’arrabbi se Mertens lo imiterà…

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te