“Se Feltri non lascia l’ordine dei giornalisti da solo, spero che il consiglio di disciplina si pronunci coraggiosamente”. Commenta così Carlo Verna, presidente del consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti a ‘Punto Nuovo Sport Show’, la trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, il tweet pubblicato da Vittorio Feltri su Napoli e il colera.

Il giornalista sul social aveva dichiarato: “Da Lombardo devo ammettere che invidio i napoletani che hanno avuto solo il colera, roba piccola in confronto al Corona”.

https://twitter.com/vfeltri/status/1230907660964421632?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Etweet


‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo  “Tweet Vittorio Feltri? Mi è stato tempestivamente segnalato, pensavo, e speravo – continua Verna – si trattasse di un fake. Non posso pensare che un giornalista si esprime in quei termini. Quando mi sono sincerato fosse il profilo reale, l’ho subito girato al presidente dell’ODG lombardo, ma mi sento di dire un’altra cosa al presunto collega Feltri: questo non è in linea con il nostro lavoro, non appartiene ad un giornalista dire certe cose. Perché non lascia l’ordine dei giornalisti da solo? Perché ci costringe a mettere su dei tribunali disciplinari su questioni che sono talmente eclatanti nella loro espressione non corretta, da metterci in continuo imbarazzo? Noi dell’Ordine dei giornalisti – aggiunge il presidente – non siamo direttamente competenti per agire contro Feltri, ma compete all’ordine di disciplina”.

Verna racconta quindi un’altra vicenda “gravissima” con protagonista Feltri: “Sempre sul tema del Coronavirus e sulla vicenda immigrazione, lui auspicava che la questione del Coronavirus ponesse fine al passaggio degli immigrati dall’Africa all’Europa attraverso lo sviluppo del virus stesso. Il problema – spiega Verna – è una discriminazione violenta che viene fatta. Cori Brescia-Napoli? Le fonti dei comportamenti negativi sono tanti: non attribuirei la colpa solo a Feltri, sono due cose diverse, ma ugualmente gravi che entrano in un clima di odio che non riguarda solo il calcio. I giornalisti sono chiamati ad un atteggiamento di maggiore responsabilità, le iniziative di Feltri sono di irresponsabilità. Il mio auspicio – aggiunge – è che ci sia una coraggiosa pronuncia da parte del consiglio di disciplina, come fecero in Piemonte”.

Interrogato poi sull’imminente sfida del Napoli col Barcellona dichiara che “deve essere una festa il solo fatto che il Napoli affronta il Barcellona in Champions” e che “Messi è il più grande di tutti i tempi per loro”, così come “Maradona è uno dei più grandi degli anni ’80”. Credo che – conclude – Maradona avesse una personalità ed un carisma che hanno consentito al Napoli di vincere uno scudetto, mai vinto e di far trionfare l’Argentina al Mondiale” .