Vela verde, partita la demolizione

da | Feb 21, 2020 | Cronaca

“Una giornata storica per Napoli”: cosĂŹ ha definitio la giornata di ieri il sindaco Luigi de Magistris per l’inizio dell’abbattimento della Vela verde a Scampia. “Inizia a cadere, sotto i colpi delle ruspe che ci piacciono, la Vela verde a Scampia – ha annunciato il primo cittadino partenopeo – . Il progetto, interamente finanziato, che porta la firma del Comitato Vele, dell’UniversitĂ  di Napoli e del sindaco, prevede l’abbattimento di tutte le Vele, tranne una che verrĂ  ristrutturata e diverrĂ  sede di uffici pubblici. In contemporanea è partito il progetto di riqualificazione con strade, asili nido, scuole ed impianti sportivi. Gli abitanti della Vela verde – ha aggiunto de Magistris – sono stati sistemati dalla nostra amministrazione in alloggi dignitosi e nei cantieri sono stati assunti disoccupati del territorio, grazie alla delibera di giunta comunale sulle clausole sociali”. Ma la demolizione dell’edificio non è solo un fatto materiale bensĂŹ anche ideologico.

“Oggi è una vittoria soprattutto degli abitanti delle Vele che non hanno mai mollato – ha detto ancora il sindaco di Napoli – hanno lottato con forza e dignitĂ , anche contro la falsa narrazione Vele=Gomorra, Scampia=Camorra. Hanno dato una lezione di umanitĂ  e dignitĂ . Noi abbiamo lottato insieme a loro ed abbiamo prodotto fatti ed atti amministrativi. Incontri, conflitti, gioie, dolori, speranze, delusioni, vittorie. Sempre con rispetto reciproco. Insieme, con unitĂ  e fratellanza. Oggi le parole, però, rischiano di essere inadeguate, oggi parlano sguardi, occhi, carezze, abbracci e lacrime di commozione”. Poi una dedica speciale. “Dedico questo giorno di gioia – ha affermato de Magistris – a Vittorio Passeggio, leader storico del Comitato Vele, l’uomo con il megafono, che per primo mi fece entrare nelle Vele nel marzo del 2011. Oggi ha vinto la Napoli che non molla, la CittĂ  del coraggio, la Napoli della fratellanza e dell’umanitĂ . Non è un traguardo finale, è però un traguardo storico! Oggi un solo grido: W Scampia, W Napoli!”.

Sulla vicenda della Vela verde, però, è intervenuto l’osservatorio Anticamorra e per la Riqualificazione del quartiere Scampia, che ha chiesto all’unanimitĂ  garanzie ambientali sull’abbattimento della Vela verde, iniziata ieri ma che proseguirĂ  per molto tempo. “La nostra preoccupazione – ha affermato il presidente, l’ex procuratore capo della Repubblica di Napoli Giovandomenico Lepore – è che con la demolizione dell’edificio si sprigionino nell’aria polveri di amianto, e quindi da un’opera buona sorga un problema di salute, magari a distanza di anni, per i cittadini del popoloso rione”. “Spero che tutto sia eseguito a norma di legge – ha aggiunge Gianni Maddaloni, il famoso sportivo, cittadino di Scampia – onde evitare che fra 20 anni qualcuno si accorga che le polveri delle varie vele che verranno abbattute contengano sostanze dannose per gli abitanti”. Inoltre, l’Osservatorio, avendo appreso dell’incendio al campo rom del rione che provoca danni soprattutto ad una scuola vicina, invita a far desistere gli occupanti da simili azioni.

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Nella serata di martedĂŹ i Carabinieri della compagnia Vomero vengono allertati per un giovane ferito presso il McDonald?s di via Giovanni Merliani. Dai primi accertamenti ancora in corso pare che un 19enne rider, verso le 20:30, sia stato accerchiato da un gruppo di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te