Gattuso chiama alla guerra “A Brescia sarà battaglia”

da | Feb 21, 2020 | Calcio Napoli

Un Gattuso che “gasato” dal successo di Cagliari si riprende la scena, come da copione. Cioè da guerriero. Presenta così la sfida di stasera a Brescia, che potrebbe rappresentare la svolta nel segno della continuità dei risultati. È tanta la curiosità per le parole dell’allenatore del Napoli soprattutto con riferimento alle scelte di formazione che, probabilmente, saranno condizionate anche dalla sfida col Barcellona di martedì prossimo.


Allan, Hysaj e Lozano convocati, com’è la condizione della squadra?
“Buona, abbiamo lavorato bene. Lozano non è al 100%, ma s’è allenato, con Allan tutto ok, l’avevo detto che non porto rancore, s’è allenato bene, Milik sta meglio”.
Dopo il Cagliari, è una partita trappola anche quella col Brescia?
“Giocherà la squadra migliore, pensiamo alla partita perché il Napoli con le piccole ha perso 20 punti. Domani sarà come a Cagliari, troveremo una squadra avvelenata, il Brescia dopo mezz’ora della fine con la Juve già parlava di coltello tra i denti per il Napoli. Ci sarà da battagliare come avversario anche come ambiente”.
Ghoulam ha possibilità di giocare?
“Sta dando continuità al lavoro, spero di vederlo come nelle ultime due settimane, gli manca qualcosa ma è importante si stia allenando con continuità”.
Che risposte ha dato Allan?
“A voi piace parlare di Allan, ma ci siamo parlati, non porto rancore, e bisogna far parlare il campo e ho visto un grande professionista che s’è messo a disposizione”.
Difficile non farsi condizionare da martedì?
“Io non sono condizionato, penso solo al Brescia, poi leggo che loro sono in difficoltà, allora se loro sono in difficoltà noi…”.
La situazione multe per i fatti del 5 novembre.
“Noi pensiamo alle partite, non ci interessa chi vincerà, chi perderà, i giocatori sono professionisti. È successo il 5 novembre, mica possiamo svegliarci adesso e pensarci. Pensiamo al lavoro, poi vedremo”.
Gattuso giocatore riusciva a non pensare a quella importante che veniva dopo?
“Io soffrivo solo quando la Juve giocava prima di noi e poi guardavo il tabellone con i minuti che scorrevano, poi altre cose no, pensavo a giocare bene e recuperare, mi dava fastidio solo giocare dopo la rivale”.
Europa League o battere il Barcellona, cosa firmi?
“Europa League tutta la vita, significherebbe vincere tante partite”.
Meglio in questa fase giocare fuori casa?
“Io preferisco sempre giocare in casa, ma bisogna annusare il pericolo ed in casa non è accaduto, abbiamo sempre giocato a campo aperto e sbagliato tatticamente”.
E Koulibaly?
“Bisogna ascoltare cosa sente lui, inutile metterlo in campo e poi il giocatore si ferma. Abbiamo preferito fermarlo per 7-10 giorni, poi valuteremo come si sente, le sue sensazioni”.
Che partita dovrà fare il Napoli?
“Sarà simile a quella di Cagliari, non so come giocheranno, ma lasciano 2-3 giocatori sempre in avanti e non dovremo essere presuntuosi, palleggiando bene, perché i loro 3 davanti non lavorano molto in fase difensiva e ti creano difficoltà. Non sarà facile, giocano sulle seconde palle, vanno sul fondo, l’area è piena, servirà attenzione”.
Come si lavora sulla testa in vista del Brescia?
“Non so poi se si nascondono e parlano quando non ci sono io, ma io non ho sentito parlare di Barcellona, da 3 giorni prepariamo il Brescia, sul Barcellona non ci siamo arrivati, da sabato ne parleremo. Dobbiamo pensare al Brescia, a Balotelli, Lopez, non a Messi, io ho visto la squadra motivata e l’abbiamo preparata bene”.
Elmas lo vede esterno sinistro, in un ruolo non suo, davanti ad altri nelle gerarchie?
“In nazionale non fa l’attaccante esterno? Parte esterno, poi va dentro quando deve costruire. Io mica lo invento esterno, ha le qualità per farlo, ma se parli con lui preferisce giocare lì più che da mezzala anche se può diventare una grande mezzala”.
Politano diverso da Callejon in fase difensiva, gli avversari hanno più spazio. Serve più copertura?
“No, deve migliorare lui sulla copertura palla e aiutare con più attenzione, poi sono diversi, è chiaro”.
Non ti fidi del Napoli, ma vedi il bicchiere mezzo pieno?
“Il bicchiere io ultimamente non lo vedo proprio. Pensiamo alla continuità, ma nel lavoro quotidiano, le partite si vincono duramente la settimana”.
Ti dà fastidio parlare ancora del dualismo dei portieri?
“Non mi interessa, faccio delle scelte senza andare a simpatia o antipatia. Mi potete dire solo che non sono aziendalista, ma metto chi mi dà più affidamento, ognuno poi vede il calcio in una maniera”.


Dal canto suo, il tecnico del Brescia Diego Lopez dopo il ko contro la Juventus recupera Joronen, Tonali e Gastaldello che tornano a disposizione ma non avrà lo squalificato Ayè. “La gara col Napoli non è l’ultima spiaggia – ha detto Lopez – ma è una partita fondamentale. Noi dobbiamo essere bravi, dobbiamo abituarci a giocare con questa pressione. Ci siamo messi da soli nelle difficoltà, dobbiamo avere la personalità per venirne fuori”.

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te