Gattuso chiama alla guerra “A Brescia sarà battaglia”

da | Feb 21, 2020 | Calcio Napoli

Un Gattuso che “gasato” dal successo di Cagliari si riprende la scena, come da copione. Cioè da guerriero. Presenta così la sfida di stasera a Brescia, che potrebbe rappresentare la svolta nel segno della continuità dei risultati. È tanta la curiosità per le parole dell’allenatore del Napoli soprattutto con riferimento alle scelte di formazione che, probabilmente, saranno condizionate anche dalla sfida col Barcellona di martedì prossimo.


Allan, Hysaj e Lozano convocati, com’è la condizione della squadra?
“Buona, abbiamo lavorato bene. Lozano non è al 100%, ma s’è allenato, con Allan tutto ok, l’avevo detto che non porto rancore, s’è allenato bene, Milik sta meglio”.
Dopo il Cagliari, è una partita trappola anche quella col Brescia?
“Giocherà la squadra migliore, pensiamo alla partita perché il Napoli con le piccole ha perso 20 punti. Domani sarà come a Cagliari, troveremo una squadra avvelenata, il Brescia dopo mezz’ora della fine con la Juve già parlava di coltello tra i denti per il Napoli. Ci sarà da battagliare come avversario anche come ambiente”.
Ghoulam ha possibilità di giocare?
“Sta dando continuità al lavoro, spero di vederlo come nelle ultime due settimane, gli manca qualcosa ma è importante si stia allenando con continuità”.
Che risposte ha dato Allan?
“A voi piace parlare di Allan, ma ci siamo parlati, non porto rancore, e bisogna far parlare il campo e ho visto un grande professionista che s’è messo a disposizione”.
Difficile non farsi condizionare da martedì?
“Io non sono condizionato, penso solo al Brescia, poi leggo che loro sono in difficoltà, allora se loro sono in difficoltà noi…”.
La situazione multe per i fatti del 5 novembre.
“Noi pensiamo alle partite, non ci interessa chi vincerà, chi perderà, i giocatori sono professionisti. È successo il 5 novembre, mica possiamo svegliarci adesso e pensarci. Pensiamo al lavoro, poi vedremo”.
Gattuso giocatore riusciva a non pensare a quella importante che veniva dopo?
“Io soffrivo solo quando la Juve giocava prima di noi e poi guardavo il tabellone con i minuti che scorrevano, poi altre cose no, pensavo a giocare bene e recuperare, mi dava fastidio solo giocare dopo la rivale”.
Europa League o battere il Barcellona, cosa firmi?
“Europa League tutta la vita, significherebbe vincere tante partite”.
Meglio in questa fase giocare fuori casa?
“Io preferisco sempre giocare in casa, ma bisogna annusare il pericolo ed in casa non è accaduto, abbiamo sempre giocato a campo aperto e sbagliato tatticamente”.
E Koulibaly?
“Bisogna ascoltare cosa sente lui, inutile metterlo in campo e poi il giocatore si ferma. Abbiamo preferito fermarlo per 7-10 giorni, poi valuteremo come si sente, le sue sensazioni”.
Che partita dovrà fare il Napoli?
“Sarà simile a quella di Cagliari, non so come giocheranno, ma lasciano 2-3 giocatori sempre in avanti e non dovremo essere presuntuosi, palleggiando bene, perché i loro 3 davanti non lavorano molto in fase difensiva e ti creano difficoltà. Non sarà facile, giocano sulle seconde palle, vanno sul fondo, l’area è piena, servirà attenzione”.
Come si lavora sulla testa in vista del Brescia?
“Non so poi se si nascondono e parlano quando non ci sono io, ma io non ho sentito parlare di Barcellona, da 3 giorni prepariamo il Brescia, sul Barcellona non ci siamo arrivati, da sabato ne parleremo. Dobbiamo pensare al Brescia, a Balotelli, Lopez, non a Messi, io ho visto la squadra motivata e l’abbiamo preparata bene”.
Elmas lo vede esterno sinistro, in un ruolo non suo, davanti ad altri nelle gerarchie?
“In nazionale non fa l’attaccante esterno? Parte esterno, poi va dentro quando deve costruire. Io mica lo invento esterno, ha le qualità per farlo, ma se parli con lui preferisce giocare lì più che da mezzala anche se può diventare una grande mezzala”.
Politano diverso da Callejon in fase difensiva, gli avversari hanno più spazio. Serve più copertura?
“No, deve migliorare lui sulla copertura palla e aiutare con più attenzione, poi sono diversi, è chiaro”.
Non ti fidi del Napoli, ma vedi il bicchiere mezzo pieno?
“Il bicchiere io ultimamente non lo vedo proprio. Pensiamo alla continuità, ma nel lavoro quotidiano, le partite si vincono duramente la settimana”.
Ti dà fastidio parlare ancora del dualismo dei portieri?
“Non mi interessa, faccio delle scelte senza andare a simpatia o antipatia. Mi potete dire solo che non sono aziendalista, ma metto chi mi dà più affidamento, ognuno poi vede il calcio in una maniera”.


Dal canto suo, il tecnico del Brescia Diego Lopez dopo il ko contro la Juventus recupera Joronen, Tonali e Gastaldello che tornano a disposizione ma non avrà lo squalificato Ayè. “La gara col Napoli non è l’ultima spiaggia – ha detto Lopez – ma è una partita fondamentale. Noi dobbiamo essere bravi, dobbiamo abituarci a giocare con questa pressione. Ci siamo messi da soli nelle difficoltà, dobbiamo avere la personalità per venirne fuori”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te