(sscnapoli.it)

All’improvviso Ruiz, Fabian segna il gol vittoria per il Napoli che dopo il Cagliari conquista i tre punti anche con il Brescia e si rilancia in classifica.

Inizio sprint degli azzurri che mettono in moto subito il loro giro palla, caratteristica principale che, qualche anno fa, apparteneva a questa squadra e proprio con il palleggio, i ragazzi di Gattuso sfiorano il vantaggio dopo appena due minuti, Mertens smarcato da Insigne al limite basso dell’area di rigore, tenta un cross per la corrente Politano, la sfera prende una traiettoria probabilmente non voluta dal belga e siu stampa sulla traversa a portiere battuto. Il Napoli continua incessantemente con il palleggio, arrivando a totalizzare tantissimo possesso palla che però, ai fini del punteggio, risulta sterile e per circa 25 minuti, dove gli azzurri non rischiano nulla, al minuto 26 arriva il vantaggio ma dei padroni di casa, infatti il Brescia va in gol con Chancellor sugli sviluppi di un calcio d’angolo il difensore di Lopez svetta su tutti e batte Ospina. Si va al riposo con il Napoli che sbatte più volte contro l’ottima difesa bresciana che in 45 minuti rischia solo in un paio di occasioni.

Dopo una bella strigliata di mister Gattuso, si ritrona in campo con la giusta fame di vittoria e infatti il Napoli in 9 minuti la ribalta, prima con un ritrovato calcio di rigore, finalmente dopo tanti episodi controversi e sempre a sfavore degli azzurri, al secondo minuto della ripresa deve intervenire il VAR, l’ottimo Orsato questa volta va a rivedere le immagini rendendosi conto già al primo replay che il tocco con il braccio di Mateju è punibile con il calcio di rigore, sul dischetto Insigne freddo e preciso batte Joronen e trova il pareggio. Pochi minuti più tardi, con il solito palleggio il Napoli arriva a smarcare Ruiz al limite dell’area bresciana, tiro a giro dello spagnolo e sfera che termina sotto il sette dove Joronen non può arrivare, bellissimo gol di Fabian che fino a quel momento era stato uno dei peggiori in campo. Dopo il vantaggio gli azzurri provano ancora a trovare il gol prima di mettersi in versione “risparmio energetico”, infatti a circa 20 minuti dalla fine il Napoli si limita a controllare le folate offensive del Brescia, rischiando in un paio di occasioni ma riuscendo comunque a non prendere gol. La partita finisce dopo 5 minuti di recupero, Napoli rilanciato in classifica e testa alla partita di martedì sera.