Hysaj, l’uomo di fiducia di Sarri rinato dopo il buio con Ancelotti

da | Feb 20, 2020 | Calcio Napoli

Con Ancelotti trovava poco spazio, con Gattuso, invece, sta giocando con una certa continuità. Elseid Hysaj è un terzino destro, che, all’occorrenza, può giocare anche sulla fascia sinistra. Nato a Scutari (Albania), il 2 febbraio 1994, gioca nel Napoli dal 2015, quando la società partenopea versò all’Empoli 5 milioni di euro.
Cresciuto calcisticamente nel Vlaznia, nel 2008 l’Empoli acquista il quattordicenne Hysaj, dando allo Valznia 50 mila euro. Precedentemente il giovane terzino destro aveva fatto un provino con la Fiorentina che, però, non riuscì a tesserarlo per motivi burocratici. Dopo aver giocato quattro anni nelle giovanili dell’Empoli, esordisce con la prima squadra il 20 ottobre 2012 e subito si guadagna un posto da titolare, giocando 35 partite. Il 31 agosto 2014 debutta in serie A in una gara contro l’Udinese, vinta dai friulani 2-0. Il Napoli acquista il giocatore l’estate successiva. La sua prima gara in maglia azzurra risale alla prima giornata del campionato 2015/16 contro il Sassuolo: la partita vide la vittoria degli emiliani 2-1 dopo che i partenopei erano passati in vantaggio con Hamsik. Esordisce in Europa qualche settimana più tardi nella gara tra il Napoli e il Club Bruges, gara vinta dagli azzurri 5-0. Il 13 settembre 2016 gioca per la prima volta in Champions League nella gara Dinamo Kiev-Napoli (1-2). Si tratta di un giocatore dotato di una buona visione di gioco. Inoltre, è abbastanza abile a giocare negli spazi stretti. Hysaj è anche il capitano della nazionale albanese con la quale ha disputato 52 partite, debuttando il 6 febbraio 2013 durante una gara amichevole contro la nazionale ungherese. Durante l’ultimo match di campionato contro il Cagliari è stato costretto ad uscire per un infortunio che, poi, per fortuna, si è rivelato meno grave del previsto. Nelle ultime giornate Gattuso ha dato nuovamente fiducia a questo giocatore e le sue prestazioni sono state positive.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te