La musica napoletana va in crociera Arte e cultura a bordo della Msc

da | Feb 19, 2020 | Cultura&Spettacolo, Viaggi

È stata ufficialmente presentata, presso il Maschio Angioino, la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, in programma dal 5 al 12 ottobre 2020 a bordo della Msc Grandiosa. Alla
presentazione hanno preso parte: Francesco Manco, area Manager Sud Italia Msc Crociere; Francesco Spinosa, ideatore dell’iniziativa; Eleonora de Maio, assessore alla Cultura e al Turismo Comune di Napoli e lo staff artistico dell’evento: Amedeo Colella, scrittore e umorista; Peppe Iodice, attore; Diego Sanchez, attore e cantante; Andrea Sannino, cantante.
Archiviata con successo l’edizione 2019, che si è caratterizzata per l’eccellente livello qualitativo degli artisti e la consueta atmosfera familiare, Scoop Travel insieme a Msc ha ormai spiegato le vele verso la tredicesima edizione, che si svolgerà sulla nuovissima ammiraglia Msc Grandiosa, nave della classe Meraviglia-plus che è stata varata ad Amburgo, in una fastosa cerimonia con Michelle Hunziker e la madrina Sophia Loren, lo scorso 9 novembre.
L’itinerario si snoderà nel Mediterraneo Occidentale, con partenza da Napoli e scali a Messina (da cui sarà possibile raggiungere facilmente Taormina, perla dello Jonio), La Valletta, Barcellona, Marsiglia e Genova.


Non mancherà un intero giorno di navigazione per godersi a pieno tutte le attrattive della nuovissima ammiraglia Msc Crociere, che si contraddistinguerà per tecnologia, distribuzione ottimale degli spazi e servizi all’avanguardia a disposizione dei passeggeri.
La Crociera della musica napoletana nasce dall’idea della Scoop Travel, una agenzia di viaggi di Napoli, con la collaborazione di tutte le associazioni che ritengono l’iniziativa importante per il rilancio della città di Napoli, in un’epoca in cui la città attraversa un periodo di fortissimo fermento culturale con la riscoperta delle proprie identità ed i felici tentativi di recupero e valorizzazione del proprio patrimonio artistico e delle ingenti risorse imprenditoriali a disposizione.
L’iniziativa è appoggiata da professori universitari ed artisti cultori della musica classica napoletana.
“Per il tredicesimo anno consecutivo ospitiamo la Crociera della musica napoletana dedicata ad uno degli aspetti piĂš distintivi della cultura partenopea. Rendiamo omaggio ad una cittĂ  da sempre cruciale nella tradizione e nei piani della Compagnia – afferma Francesco Manco – Napoli rimane un hub strategico per la Msc”, che assicura, infatti, la presenza fissa nel capoluogo partenopeo dell’ammiraglia Msc Grandiosa ed MscDivina per tutta l’estate. Il tutto mentre giĂ  ci si prepara il varo della seconda nave della classe Meraviglia Plus, Msc Virtuosa, il cui varo è previsto per settembre 2020”.


“Considerata la valenza sociale dell’iniziativa – spiega Francesco Spinosa – la peculiaritĂ  della nostra identitĂ  deve essere preservata e conosciuta anche dalle nuove generazioni, in quanto deve risultare a cuore di tutti i napoletani la sua diffusione tra i giovani, al fine di favorire, sin dall’etĂ  dello sviluppo, l’attaccamento alle radici del proprio territorio. Sovente i nostri giovani classificano come canzoni napoletane prodotti che nulla hanno a che vedere con la nostra tradizione storica. Bisogna dunque preservare la nostra identitĂ  e riportarla in auge infondendo la giusta educazione a chi dovrĂ  poi tramandarla alle generazioni future”.
L’evento vanta il patrocinio del Ministero del Turismo; della Regione Campania; del Comune di Napoli; dell’Ente Provinciale per il turismo; Flavet; dell’Ente bilaterale turismo Campania.
Ogni edizione della crociera della musica napoletana porta un processo di esportazione della melodia classica napoletana ed infondere in tutti i napoletani quella consapevolezza del passato che dovrĂ  essere il necessario ingrediente per lo sviluppo socio-culturale della cittĂ .
La novità principale di quest’anno lanciata dallo staff della Crociera della Musica Napoletana è rappresentata da un concorso rivolto alle scuole e ai conservatori della Regione Campania, all’interno dei quali verranno selezionati i nuovi talenti della musica napoletana che verranno poi introdotti nel cast artistico della prossima edizione.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere piĂš noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirĂ  le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te