Carnevale all’Edenlandia con la Baracca dei Buffoni

da | Feb 19, 2020 | Vivere Napoli

Festeggiare Carnevale, sì, ma dove? All’Edenlandia, naturalmente. Il luogo deputato al divertimento di grandi e piccini si animerà sabato 22 febbraio (ingresso libero, con doppia replica alle ore 16 e alle ore 17) con la compagnia di artisti di strada Baracca dei Buffoni. Si potrà assistere infatti a “Tipi da spiaggia“, una performance itinerante e esilarante, in cui anche il pubblico sarà coinvolto. Uno spettacolo dove sono protagonisti la musica, i colori e la comicità dei personaggi. Il divertimento, tra trampolieri, danza e clownerie, è garantito per tutti.

La ricerca del lido Baracca è il motivo scatenante che muove un’eccentrica famiglia ed un insolito bagnino nel lavoro della compagnia Baracca dei Buffoni. Una performance itinerante in stile cartoon in chiave comica e grottesca, dove la famiglia “Marino”, guidata dal brillante bagnino “Attilio”, si cimenta in un assurdo viaggio alla ricerca del lido Baracca.

Un gioco teatrale, dove a più riprese, il pubblico si ritroverà in una grande festa, con un finale dove loro stessi diventeranno spiaggia o tipi da spiaggia. L’organizzazione dell’iniziativa è a cura di Mestieri del Palco e Edenlandia che continuano la nuova e proficua collaborazione, nata in occasione della prima edizione del Napoli Horror festival e proseguita poi con Halloween. Per averne un assaggio: https://www.youtube.com/watch?v=DeQIKF83gBo

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te