Il giornalaio Antonio Parisi nella sua edicola di piazza Vanvitelli

“Spero che la situazione si risolva presto grazie ai miei avvocati altrimenti non so come farò”: è l’appello di Antonio Parisi, 31 anni, titolare da dieci anni dell’edicola di piazza Vanvitelli ad angolo con via Scarlatti che lo scorso sabato, in preda alla disperazione, ha tentato anche il suicidio. A difendere l’edicolante sono gli avvocati Angelo Pisani, Antonella Esposito e Gaetano Brancaccio.
Il suo errore è stato quello di poggiare continuamente articoli in vendita al di fuori dello spazio consentito alla sua edicola: errore che gli è costato ben nove multe ed una situazione che si è protratta fino alla chiusura dell’edicola da parte della Polizia Municipale. “Ho ricevuto nove multe ricevute per eccedenza di occupazione di suolo pubblico – spiega Parisi – di cui sei però sono state annullate e ora restano le ultime tre dell’ultimo anno che però hanno fatto decadere la concessione di vendita anche se siamo ancora nei termini di legge per impugnare il tutto. I commercianti mi hanno dimostrato vicinanza e li ringrazio. Ho un mutuo con cui sto pagando ancora l’edicola ed una figlia piccola di pochi mesi. Qualora si dovessero pagare le multe attraverso una colletta ne sarei grato – spiega Antonio Parisi – ma al momento non so niente anche se sarebbe un bel gesto molto apprezzato. Però, confido di trovare la soluzione al problema grazie ai miei avvocati e intanto sono al quinto giorno consecutivo che sto chiuso in edicola. Non mi sono mosso da qui perché sono in grande difficoltà perché se mi chiudono l’edicola non posso restituire i giornali che non ho venduto e poi mi tocca pagarli tutti”.

Tra i commercianti che hanno sin da subito mostrato la volontà di aiutare Antonio c’è Giovanni Estate dello storico chioschetto di fiori di piazza Vanvitelli. “Ci siamo attivati subito per chiedere ai commercianti la disponibilità a dare un aiuto alla famiglia di Antonio – chiarisce Giovanni Estate – ma non entriamo nel merito della vicenda. Siamo per il rispetto delle regole. Ma, sul piano umano, siamo disponibili ad aiutare la famiglia di Antonio avendo una bambina di sei mesi”.

Di Alessandro Migliaccio

Giornalista di inchiesta, direttore del Quotidiano Napoli e autore della trasmissione televisiva Le Iene. Ha pubblicato tre libri di inchiesta su Napoli e uno di poesie. Ha collaborato con la trasmissione televisiva Piazzapulita e lavorato con i giornali Il Tempo, Napolipiù, Epolis-Il Napoli, Il Giornale di Sicilia e Roma e l'agenzia di notizie Adnkronos.