Per Mertens ora l’incubo record

da | Feb 18, 2020 | Calcio Napoli

Quando Hamsik arrivò ad un solo gol da Diego Maradona, che deteneva il record di miglior goleador azzurro di tutto i tempi, si bloccò per mesi. Quasi una sorta di timore revenziale, la preoccupazione di incorrere nel “reato di lesa Maestà”. E allorché, infine, riuscì nell’impresa di eguagliare el pibe de oro, corse come un folle per tutto il campo, quasi senza una meta. Era venuto fuori da una sorta di incubo. Poi fu tutto più semplice e i gol successivi vennero l’uno dopo l’altro.
Speriamo che la stessa cosa non accada a Dries Mertens, giunto ora, a sua volta, ad una sola distanza da quel record di Hamsik.


Molti sostengono che per riuscire nell’impresa ed andare magari anche oltre Mertens dovrebbe trovare, oltre alla continuità di impiego, anche la tranquillità sul futuro. Legata quest’ultima all’ipotesi di rinnovare il contratto che lo lega al Napoli è che è in scadenza a giugno.
Dopo la grandissima prestazione contro il Cagliari, in casa Napoli tiene ancora più banco la questione legata al rinnovo di Dries Mertens. Da entrambe le parti c’è la volontà di prolungare l’accordo. Il club azzurro ha avanzato una proposta ufficiale per un biennale e adesso è in attesa di una risposta. La cosa importante è che sia Mertens che il Napoli vorrebbero andare avanti insieme.


Ma esistono margini perché l’intesa possa essere trovata? Quando uno è libero e la competizione è globale, ci sono tantissime squadre che possono essere interessate a Mertens. Dries non vuole lasciare per forza lasciare il Napoli, ma si attende un riconoscimento economico da parte del club che in questo momento diventa quasi fondamentale per convincere il calciatore. Senza dubbio il calciatore non è mai stato soddisfatto dalla proposta economica del Napoli. O il Napoli deroga ai suoi principi, oppure sarà complicato pensare che Mertens possa fare un passo indietro rispetto alle sue richieste.
È De Laurentiis quindi che deve fare il primo passo. Lo farà? Il presidente, si sa, è un passionale. E soprattutto è molto legato a Mertens, professionista a sua volta legato al Napoli e alla città. Smaltite le incomprensioni per l’ammutinamento (Mertens fu il primo ad andarsene dal San Paolo) potrebbe anche recedere dai suoi drastici propositi ed allargare i cordoni della borsa. Non ci vorrà molto per avere una risposta.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te