Da oggetto del mistero a leader: così Zielinski si è ripreso il Napoli

da | Feb 18, 2020 | Calcio Napoli

Ormai è uno dei punti di riferimento del centrocampo azzurro, Piotr Zielinski, fu acquistato dal Napoli nell’estate del 2016, quando la società partenopea versò all’Empoli 15 milioni di euro più il prestito di Zuniga, girato poi al Watford. Nato il 20 maggio 1994 a Zabkovice Slaskie (Polonia), Zielinski è un centrocampista dotato di buone qualità tecniche, all’occorrenza può giocare anche da trequartista oppure da ala sinistra. Inizia la sua carriera nelle giovanili dello Zaglebie Lubin, nel 2011 viene acquistato dall’Udinese per centomila euro. Inizialmente gioca nella formazione Primavera, poi inizia a far parte della prima squadra nel 2012. In particolare, esordisce il 2 dicembre 2012 durante una gara di campionato vinta dall’Udinese contro il Cagliari 4-1. La prima presenza da titolare, la quarta in assoluto, risale alla trentaduesima giornata, in Parma-Udinese 0-3. La stagione successiva debutta in Europa League contro lo Slovan Liberec. Nel 2014 viene acquistato dall’Empoli, con cui esordisce il 13 settembre durante la partita contro la Roma, terminata 1-0 per i giallorossi. Nell’estate 2016, viene acquistato dal Napoli e gioca per la prima volta in maglia azzurra il 21 agosto contro il Pescara (2-2), entrando in campo nel secondo tempo al posto di Hamsik.

Questa è, quindi, la sua quarta stagione con i partenopei. Si tratta di un giocatore che ha ricoperto diversi ruoli di centrocampo in questi anni. Nel suo palmares ci sono anche 51 presenze e 6 reti con la maglia della Polonia, con la quale esordisce il 4 giugno 2013 contro il Liechtenstein. Il 14 agosto 2013 mette a segno il suo primo gol con la nazionale polacca in una gara amichevole contro la Danimarca. Il suo contratto con il Napoli scade nel 2021 e, per il momento, non si può ancora sapere se ci sarà il rinnovo.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te