Gattuso-Allan: la guerra dei Roses

da | Feb 17, 2020 | Calcio Napoli

di Marco Bruttapasta

Allan…ema di chillebbive! Nella conferenza pre-gara Gattuso ha dimostrato di non essere certo diplomatico o, peggio ancora, ipocrita. Un altro avrebbe etichettato l’assenza di Allan con la voce “fastidi muscolari”, Ringhio invece senza giro alcuno di parole ha accusato l’ex udinese di scarso rendimento, evitando a noi giornalisti di ricorrere al pissi pissi bau bau. L’esclusione di ieri rappresenta l’ultima pagina di una querelle tra il brasiliano e il club, nata con la mancata cessione del gennaio 2019 al Psg.

Tredici mesi fa, il club parigino, da sempre a caccia della Coppa dalle grandi orecchie, si ritrovò improvvisamente senza centrocampisti vista l’epurazione di Rabiot e i continui problemi di Verratti. Il tecnico Tuchel individuò nel napoletano il tassello ideale, specie alla luce dell’impressionante prova del mediano nel confronto di coppa, al Parco dei Principi tra padroni di casa e partenopei. Il Psg, fomentato da Neymar, sponsor del connazionale, arrivò ad offrire cifre blu al centrocampista, trattato da vero e proprio top player. Ancelotti mostrò di non gradire una partenza a stagione in corso del calciatore, Giuntoli non riuscì a persuadere Barella a rinunciare al matrimonio con l’Inter ed Allan rimase in azzurro tra mille mugugni. Subito ci fu l’esclusione con il Milan in Coppa Italia e diverse gare sottotono del giocatore. Il club promise al ragazzo un sostanzioso aumento di stipendio, seppur su parametri lontanissimi dalle folies parigine, alle parole non seguirono i fatti e il giocatore rimase schiattato ncuorpo. In estate, con meno acqua alla gola, il Psg ha dirottato sul basco Herrera e sul senegalese Gueye le attenzioni dirette ad Allan, trovatosi sedotto e abbandonato.

La stagione 2019/20 non è nata sotto i migliori auspici, pertanto, per Allan, in grado di giocare sui suoi livelli solo nel doppio confronto con i Reds e nella trasferta austriaca di Coppa. Con il Salisburgo poi a Napoli, ci fu la triste appendice dell’ammutinamento e relative voci di un ipotetico scontro con il pargolo Edo. L’arrivo di Gattuso sembrava aver placato l’animo del brasiliano subito in rete nella trasferta di Sassuolo. Con il 2020 sono tornati i mal di pancia, Sarri e Conte da lontano facevano trapelare la propria attrazione per il carioca, il rinnovo restava lontano e il Napoli si dedicava alla vana corte per Amrabat, individuato quale erede per la stagione prossima del mediano. Fino agli ultimi capitoli, culminati con la reazione scomposta alla sostituzione di qualche settimana fa, l’assenza per infortunio e l’esclusione punitiva dalla trasferta sarda. Un matrimonio tra Allan e il Napoli, felice nei primi quattro anni, che sta trovando un epilogo stile “guerra dei Roses”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te