Demme, l’uomo dell’ordine che ha preso in mano il centrocampo

da | Feb 15, 2020 | Calcio Napoli

Gli sono bastati pochi minuti per calarsi nel gioco del Napoli, prenderlo per mano, assicurare quel “faro” a centrocampo che era sempre mancato ad Ancelotti. Per sua espressa rinuncia.
Diego Demme è diventato davvero il distributore del gioco del Napoli, una sorta di Jorginho con l’aggiunta di una grinta straordinaria. Questo ragazzo figlio di un calabrese emigrato in Germania e da sempre tifoso del Napoli e di Maradona, si sta dimostrando uno degli acquisti più azzeccati dell’era De Laurentiis. Certo è ancora presto per un giudizio definitivo, ma le premesse ci sono tutte.


Nel corso di Napoli-Inter (che tra l’altro non ha fatto registrare in assoluto la sua miglior prestazione) l’ex capitano del Lipsia ha percorso ben quattordici chilometri.
Cifra ancora più impressionante se si pensa al suo raggio d’azione, spesso circoscritto alla zona centrale del campo per mantenere i giusti equilibri. Ulteriore dimostrazione di un moto perpetuo che chiude linee di passaggio agli avversari e ne disegna tante per i compagni.
Diego è diventato un punto di riferimento per Gattuso e per i compagni, ha restituito semplicità ad un reparto in cui sembrava regnare il caos. Con Demme, la sua mobilità, il suo non uscire mai dallo spartito, gli azzurri stanno riacquisendo parte delle certezze smarrite.
Son passate poche settimane, ma una cosa è certa: i 12 milioni versati nelle casse del Lipsia sono una spesa benedetta, tra le migliori, per oculatezza e profitto, mai realizzate dal Napoli. Pensare che per Lobotka il Napoli ha speso quasi il doppio e finora lo slovacco nessuno lo ha visto.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te