Oggi alle 15 si rivede KK: la remuntada deve continuare

da | Feb 9, 2020 | Calcio Napoli

Si gioca alle 15, come ai vecchi tempi. Il freddo glaciale di questi giorni va lentamente scoparendo, oggi potrebbe essere una bella giornata invernale di sole. Gli splati del San Paolo saranno quasi pieni, si annunciano piĂą di 45mila spettatori, record stagionale.
Se ieri l’Atalanta avesse perso o pareggiato contro la Fiorentina all’ultimo momento sarebbero accorsi al San Paolo un altro migliaio di spetttaori, attirati dal sapore avvincente di una remuntada che sarebbe clamorosa. Ma va bene lo stesso. Il Napoli ha ora un ciclo di partite tutte abbordabili e se la cura-Gattuso, favorita dai nuovi innesti, dovesse continuare a dare i suoi frutti, l’Europa League, per il momento, diverrebbe tranquillamente a portata di mano.
Senza contare che nel bel mezzo ci sarà lo scontro diretto a San Siro con l’Inter che potrebbe condurre alla finale di Coppa Italia e il doppio scontro con il Barcellona, proibitivo sulla carta, ma con i blaugrana in grandi ambasce e quindi teoricamente più vulnerabili. Tutto ciò premesso è evidente che contro il Lecce la partita bisognerà vincerla, senza se e senza ma, facendo attenzione alla’mmonimento di Gattuso, che ha parlato di “partita-trappola”.
Nella conferenza stampa di presentazione Gattuso ha fatto intuire anche quale sarà la formazione che scenderàin campo. Tra i pali tornerà Ospina e qui siamo alle solite. Un’alternanza inspiegabile, che mette in imbarazzo anche la società, trinceratasi dietro la farsa di un Meret che avrebbe un dolore al fianco.
In difesa rientro di Koulibaly e quindi i quattro titolari, con Di Lorenzo a destra e Mario Rui a sinistra. Confermato l’esordio da titolare di Plitano, con Milik al centro e Insigne sulla sinistra. L’unico dubbio riguarda Allan. Gattuso ha detto che schiera giocatori abili al 100 per cento. QuindiAllan partirà dalla panchina. Con Fabian fuori gioco per i postumi della lunga influenza la scelta rimane tra Elam e Lobotka. E probabilmente sarà favorito il macedone,che offre maggiore copertura.
Lo affiancheranno Demme, diventato ormai il motore del centrocampo azzurro e il solito Zielinski, nella speranza che si svegli una volta per tutte dal torpore che lo accopagna quasi stabilmente dall’inizio del campionato.
Con una difesa compatta e un centrocampo che sappia fare il filtro richiesto il Napoli potrà sentirsi garantito ed affrontare una gara d’attacco che lo porti, possibilmente a sbloccare la partita il più presto possibile. Perchè è chiaro che il Lecce punterà tutto sulla rimessa e sul contropiede.E ci vorranno occhi paerti per non cadere nella trappola. Ma con il ritorno di Koulibaly, si spera nella forma giusta, le preoccupazioni dovrebbero essere ridotte al lumicino.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te