Giubbini di marca sequestrati? La Polfer li dona al centro caritatevole

da | Feb 9, 2020 | Cronaca

La merce sequestrata dalla Polizia di Stato va in beneficenza ad un centro caritatevole. Il Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Napoli con un provvedimento innovativo ha disposto la devoluzione ad un istituto di beneficenza di diversi giubbotti contraffatti sequestrati alcuni giorni fa dalla Polizia Ferroviaria di Napoli nell’ambito dei controlli a ridosso della stazione di piazza Garibaldi.
In particolare, il magistrato di turno, in luogo della consueta distruzione “tout court” della merce ha disposto la rimozione delle etichette griffate di un noto brand e dunque, il conferimento di anonimi ma efficienti capi di abbigliamento che, specie con il freddo di questi giorni, hanno avuto una nuova esistenza e sicuramente hanno reso felici tante persone più sfortunate che non hanno la possibilità di ripararsi dal freddo.
E così ieri mattina gli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, dopo aver rimosso con certosina pazienza tutte le etichette avendo cura di non compromettere la piena utilizzabilità dei capi, si sono recati presso il Centro AbitiAmo San Giuseppe Moscati della Comunità Parrocchiale San Gennaro al Vomero dove il Parroco li ha accolti con caloroso affetto ringraziando le Istituzioni per il sostegno alle proprie attività caritatevoli auspicando che anche per il futuro determinati capi di abbigliamento anziché andare al macero possano essere donati ai bisognosi. Un’ottima iniziativa quella avuta dal magistrato e messa in atto dalla Polfer di Napoli, ovvero trasformare un intervento delle forze dell’ordine in qualcosa di utile a livello sociale. Una strada indicata che, si spera, verrà perseguita anche in altre occasioni.

I documenti della città dal 1387 saranno disponibili negli archivi

I documenti della città dal 1387 saranno disponibili negli archivi

I documenti della città di Napoli dal 1387 al 1990 sono in formato digitale. Sarà a breve disponibile on line l’archivio dei documenti della città di Napoli prodotti dal 1387 al 1990: un patrimonio di straordinario valore storico e culturale, custodito nell’Archivio...

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

“Un contratto autonomo per gli infermieri”

Il presidente del sindacato Nursing up, Antonio De Palma: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui. E vanno garantiti subito uno stipendio degno e l’indennità di specificità infermieristica” “Perché la nostra...

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te