Sampdoria – Napoli: 2-4 al Ferraris bene ma non benissimo

da | Feb 3, 2020 | Calcio Napoli

A Marassi il Napoli batte i blucerchiati per 2 a 4, bene ma non benissimo gli azzuri che dopo la prima mezz’ora di gioco iniziano a calare subendo i ragazzi di mister Ranieri.

Il Napoli strappa la vittoria a Marassi, contro i blucerchiati gli uomini di Gattuso soffrono ma sanno rialzarsi per conquistare una vittoria importantissima per il morale di un gruppo che sta pian piano ritrovando la retta via. Il match si incanala fin da subito sui giusti binari, dopo il calcio d’inizio la Sampdoria perde palla su un lancio della difesa dopo solo 40 secondi, da lì inizia un lunghissimo giro palla dei partenopei che porta Milik a segnare dopo 3 minuti il gol del vantaggio. Al minuto 16, il Napoli trova il raddoppio con Elmas, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, Di Lorenzo in anticipo su tutti, prolunga la traiettoria del pallone sul secondo palo, dove Elmas trova il tap-in vincente, lacrime di gioia per il ragazzo nell’esultanza. Da qui gli azzurri controllano la partita sempre con giro palla, senza subire grossi pericoli, ma ci prova un immenso Fabio Quagliarella, con il suo talento indiscusso, a guastare i piani di rimonta in classifica del Napoli, al 26 con un eurogol, tiro potente a volo di destro dal limite sinistro dell’area di rigore che trova l’angolino basso alla sinistra di Meret che riesce solo a toccare la sfera, il fuoriclasse stabiese trova una delle sue perle e per la sua storia e fede calcistica legata al Napoli non esulta. Finisce il primo tempo con i ragazzi di Gattuso che iniziano a calare nel gioco e a soffrire le ripartenze della Samp.

Nella ripresa i blucerchiati ripartono con il piede sull’accelleratore, Ranieri da carica ai sui ragazzi per recuperare il risultato. Al minuto 55 Ramirez trova il gol del pareggio, ma interviene il Var che richiama il Signor La Penna a rivedere l’azione, dalla consultazioni delle immagini il direttore di gara valuta falloso il tocco di gomito di Gabbiadini e annulla la rete del pareggio doriano. Pochi minuti più tardi Insigne colpisce il palo con un tiro di sinistro dal limite dell’area, sulla respinta Zielinski ribadisce in rete ma il gol viene annullato per fuorigioco del polacco. Pareggio che arriva al minuto 70 su calcio di rigore, penalty conquistato da Quagliarella, mina vagante e spina nel fianco della difesa azzurra, Manolas colpisce il piede destro del 27 blucerchiato, tocco che sfugge all’arbitro ma non al Var che richiama La Penna al monitor e con il replay viene assegnato la punizione dal dischetto, con Quagliarella costretto a lasciare il campo per il fallo di Manolas, è Gabbiadini a presentarsi di fronte a Meret, Manolo trasforma per il pari doriano. Gattuso corre ai ripari inserendo Demme, Politano e Mertens, ed è Diego Demme a riportare il Napoli in vantaggio, su un tiro di Insigne Colley respinge di testa, lestissimo Diego che di sinistro batte Audero riportando gli ospiti in vantaggio. La partita la chiude Ciruzzo Mertens al suo ritorno in campo dopo l’infortunio, Audero esce dall’area di rigore per anticipare Milik lanciato a rete, di testa colpisce la palla che finisce sui piedi di Dries che non ci pensa mezza volta e tira da oltre 30 metri con la porta sguarnita, 2 a 4 e partita finita.

Note positive della serata, Insigne tra i migliori in campo, sempre ordinato e pronto a prendere di petto i compagni che si innervosivano, colpisce un palo e su una sua palla pericolosa nasce il gol del definitivo vantaggio partenopeo. Buona la prestazione si Elmas, oltre al gol è sempre presente negli inserimenti. Esordio per Politano con il Napoli, pochi minuti per mettersi in mostra, si becca un’ammonizione per simulazione, clamoroso errore dell’arbitro La Penna che non vede il netto calcio di Colley sul neo acquisto partenopeo. Bene Lobotka, gli viene assegnata la posizione di Diego Demme, non lo fa rimpiangere ma poi inizia a calare nella ripresa e vinene sostituito.

Buona la prestazione della squadra ma non benissimo perchè si poteva controllare meglio il risultato, senza rischiare più di tanto facendosi raggingere, ma la voglia di rialzarsi di questo gruppo si vede e da i suoi frutti. Male, anzi malissimo il pubblico di Marassi che intona ancora quei cori beceri contro la città di Napoli invocando il Vesuvio, è ora che si inizino a prendere seri provvedimenti.

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te