L’Ussi della Campania invita il collega Zuliani a tornare allo Stadio San Paolo per poter verificare di persona che i colleghi napoletani svolgono il loro lavoro con serietà e correttezza

da | Gen 31, 2020 | Calcio Napoli

L’Ussi della Campania – Gruppo ‘Felice Scandone’ è venuta a conoscenza del fatto che domenica scorsa, durante una trasmissione andata in onda dopo la conclusione della partita Napoli-Juventus su un’emittente locale, il giornalista Claudio Zuliani, nel corso di un animato dibattito, rivolgendosi a un altro dei partecipanti alla discussione ha detto:”Tu vai solo a San Siro, io invece purtroppo a Napoli ci sono andato parecchi anni. Tu sai il clima che si respira in sala stampa in quella città? Sai che domande fanno i giornalisti? E sai come ti accolgono? Ti prendono a calci il pullmann, ti lanciano i petardi, ti insultano in continuazione”.
   L’Ussi della Campania rileva che, così come è stata pronunciata, la frase lascia capire che i giornalisti napoletani abbiano l’abitudine di distribuire calci, lanciare petardi e insulti in sala stampa, intento che si intuisce non fosse nelle intenzioni del collega. Si presume infatti che il giornalista nel suo intervento intendesse riferirsi a soggetti diversi dai suoi stessi colleghi. Tuttavia l’Ussi della Campania non può che stigmatizzare quelle parti del discorso rivolte effettivamente alla stampa napoletana che, completamente disancorate dal diritto-dovere di cronaca giornalistica, esprimono valutazioni lesive della serietà e della correttezza professionale dei cronisti sportivi campani.   L’Ussi della Campania invita il collega Zuliani a tornare allo Stadio San Paolo in modo da poter verificare di persona che i colleghi napoletani svolgono il loro lavoro con serietà e correttezza, anche se le loro domande talvolta possono risultare sgradite ai destinatari.   L’Ussi della Campania reitera comunque l’invito all’Ordine dei Giornalisti a intervenire sempre con rigore nei confronti di chi esprime pubblicamente giudizi e valutazioni negative sulla professionalità di suoi stessi colleghi e ricorda a tutti che chi svolge il proprio lavoro, nella nostra professione più che in altre, è obbligato a farlo tenendo presenti i canoni della correttezza e della deontologia professionale.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te