Sciopero lunedì 3 febbraio del trasporto pubblico locale

da | Gen 30, 2020 | Cronaca

Nessuna mediazione, nessun passo indietro. Confermato per lunedì prossimo 3 febbraio lo sciopero del trasporto pubblico locale di 24 ore indetto dalle organizzazioni sindacali Ubs, Orsa e Faisa Confail come avverte in questi giorni l’Anm anche tramite i tabelloni elettronici alle fermate dei bus. La sospensione verrà gestita nel rispetto delle fasce orarie di garanzia.

Linee bus: il servizio è garantito dalle 5,30 alle 8,30 e dalle 17 alle 20 (le ultime partenze vengono effettuate 30 minuti prima dell’inizio dello sciopero e poi si riprende circa mezz’ora dopo la fine dello sciopero).

· Metro Linea 1: prima corsa garantita da Colli Aminei alle ore 6,46 e da Garibaldi alle 7,20 mentre le ultime prima dello stop sono previste rispettivamente alle 9,16 e alle 9,20. La ripresa del servizio a copertura della fascia pomeridiana di garanzia è prevista alle 17,16 da Colli Aminei e alle 17,50 da Garibaldi; ultima partenza da Colli Aminei alle 19,46 e da Garibaldi alle 19:50.

· Funicolari Centrale, Chiaia, Montesanto e Mergellina: ultima corsa garantita al mattino alle ore 9,20 mentre nel pomeriggio prima corsa alle 17 ed ultima alle 19,50.

Per quanto concerne le motivazioni dell’agitazione, i sindacati chiedono “migliore gestione del personale e rispetto delle norme per la tutela della salute dei lavoratori”.  Ma si sollecita anche un trattamento economico migliore per i tanti dipendenti dell’Anm nonché per far sì che vi sia uno sviluppo progressivo di carriera per il personale viaggiante del settore gomma e ferro. Si tratta degli operatori delle funicolari, degli autisti dei bus ma anche del personale delle sale operative e di macchina. Infine viene chiesta una maggiore sicurezza e prevenzione sugli autobus, sui treni ed anche nelle stazioni visti il  recente incidente ed i vari episodi di aggressione. A tali motivazioni si aggiunge anche la richiesta sia delle indennità che del premio di produzione per l’anno 2016 nonché l’internalizzazione delle attività in appalto.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te