Sarri e Buffon al vetriolo: state jenn ‘nfreva

Quando da bambini giocavamo a pallone per strada nel nostro gruppo c’era un mio amico d’infanzia che, al termine dell’ultimo tiro non accettava mai la sconfitta: “Non vale, stava passando la signora”, “Non ero pronto” e così via erano le scuse più gettonate. “Stai jenn ‘nfreva”: gli rispondevamo prima di dover correre a casa a mangiare senza fare troppo tardi per evitare di prenderle da mammà. Ora, quei tempi dolcissimi e lontani allo stesso tempo conservati gelosamente nel cuore mi sono venuti in mente sentendo le dichiarazioni prima dell’allenatore della Juventus Maurizio Sarri e poi del suo portiere Gianluigi Buffon. Il primo ha detto che “il Napoli ha fatto poco per vincere” e che tutto è dipeso dalla prova molle della sua squadra mentre il secondo, addirittura, che “se la sfida fosse stata decisiva avrebbe vinto la Juve”. Quasi come se i giocatori azzurri dovessero ringraziarli perché i bianconeri li hanno fatti vincere. Manifesta superiorità, supponenza allo stato puro. Senza contegno né rispetto per gli avversari. Ma la verità è che voi due, Sarri e Buffon, state jenn ‘nfreva! Come quell’amico mio d’infanzia.

A riguardo Alessandro Migliaccio 51 articoli
Giornalista di inchiesta, direttore del Quotidiano Napoli e autore della trasmissione televisiva Le Iene. Ha pubblicato tre libri di inchiesta su Napoli e uno di poesie. Ha collaborato con la trasmissione televisiva Piazzapulita e lavorato con i giornali Il Tempo, Napolipiù, Epolis-Il Napoli, Il Giornale di Sicilia e Roma e l'agenzia di notizie Adnkronos.