Col 4-3-3 o col 3-4-3? La squadra ora è double face

da | Gen 29, 2020 | Calcio Napoli

Volare basso è il motto di Rino Gattuso, uno che alle parole preferisce i fatti. Che abbia carattere lo ha dimostrato nelle due partite “impossibili” contro Lazio e Juventus dove ha centrato in entrambe il bersaglio pieno senza farsi scoraggiare dai tre precedenti infortuni casalinghi in campionato contro Parma, Inter e Fiorentina.
Un gladiatore, insomma, che però ha dato un’impronta alla squadra non solo da un punto di vista caratteriale ma anche tattico. E su questo aspetto va riletto un tanticchio meglio anche il Gattuso allenatore, cercando di spiegare quello che potrà e dovrà essere il suo lavoro non solo da fine psicologo e motivatore ma soprattutto di tecnico per arrivare al Napoli che è nella sua idea di squadra. Gattuso ha subito sfidato il “vecchio” modulo di gioco proposto da Ancelotti, non gradito da diversi giocatori, riproponendo una versione meno integralista del 4-3-3- di Sarri, al quale non ha fatto mistero di volersi rifare con gli opportuni cambiamenti. La cosa, in assenza di un play, non gli è riuscita fino all’arrivo di Demme, voluto fortemente dal tecnico, e dello stesso Lobotka, perché la squadra, pur mostrando segnali di ripresa, ha pagato soprattutto lo sgangherato assetto tattico di un centrocampo poco coeso e per niente utile, in fase difensiva e di non possesso, perché costruito con uomini come Zielinski, Allan, Fabian Ruiz, portati naturalmente ad attaccare e perciò a trovarsi quasi sempre fuori posizione in caso di transizioni avversarie con le conseguenze di una difesa costantemente scoperta.
Il tecnico di Corigliano Calabro, sul piano tattico ha perciò lanciato in fretta nella mischia sia Demme che Lobotka sin dalla gara di Coppa Italia contro la Lazio, ricavandone subito i frutti sperati in termini di risultato ma soprattutto di gioco. La squadra, infatti, è apparsa più equilibrata, corta e più geometrica sia nell ‘impostazione del sistema di gioco che nell’interpretazione e nella lettura delle situazioni che la gara proponeva di momento in momento, concedendo ai giocatori laziali il possesso palla ma non gli spazi per le verticalizzazioni di Milinkovic, Parolo e Leiva, finchè in campo, a favore di Immobile e Caicedo. Le stesse situazioni di gioco sono state ricreate con La Juve, apparsa ai più rinunciataria e lenta senza però tener conto della capacità degli azzurri di isolare e tenere lontane dall’area le punte bianconere. Bravo Gattuso, dunque, nell’ impostare due gare difficili giocando sugli avversari, impedendo loro di giocare, però adesso Ringhio deve impostare la squadra consegnandole uno spartito d’attacco per quando incontrerà formazioni che si difenderanno con le unghie per strappare almeno un punto, puntando tutto sul contropiede. L’arrivo di Politano è sicuramente un’arma in più che Ringhio avrà a disposizione. L’ex Inter sa creare superiorità numerica in attacco ed i suoi tagli spesso risultano letali. A differenza di Callejon, però, non gli si può chiedere compiti tattici o di ripieghi profondi. Toccherà perciò studiare una formula a centrocampo che dia equilibrio ma anche appoggio alla manovra d’attacco senza scoprire nuovamente la difesa. Un centrocampo a tre, Lobotka-Demme-Zielinski, ci sembra, con Politano in campo, quello meglio assortito, con Fabian Ruiz e Allan alternative validissime a seconda del tipo di gara che si vuole giocare. Però, con i rientri di Koulibaly e Maksimovic, sarebbe proprio da buttare l’idea di un 3-4-3 con Di Lorenzo a centro destra a chiudere la linea di difesa e Callejon esterno destro nei quattro di centrocampo? È un’idea, come tante, che vogliamo proporvi senza essere depositari di verità o visionari. Noi, dopo gli arrivi di gennaio, vogliamo solo far capire che la sensazione è che questo Napoli abbia carrozzeria, motore e pezzi di ricambio per risalire posizioni di classifica giocando un bel calcio senza essere monotematico. Ma, per pensarla come Gattuso, volando bassi e facendo i fatti senza troppe parole.

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te