Grazie, grazie, grazie!!!”
queste le prime parole espresse dal DG, Volpe, all’apertura della affollatissima conferenza stampa che ha indetto all’Asl Benevento sulla Organizzazione dell’Emergenza Territoriale . Volpe ha inteso, in primis, ringraziare tutti gli operatori impegnati nei servizi di emergenza territoriale che con grande spirito di abnegazione e, nonostante le difficoltà, prestano la loro opera con grande soddisfazione da parte della comunità sannita e dei tanti sindaci presenti all’incontro rendendo efficace un servizio di grande importanza per i cittadini. Ha poi descritto le azioni concrete poste in essere, quelle già programmate ed in corso di realizzazione, finalizzate al potenziamento della rete territoriale di emergenza, Saut e Psaut, sia da un punto di vista strutturale che organizzativo. È seguito l’intervento di Mastella che ha espresso gratitudine al manager dell’Asl per l’attenzione rivolta al nostro territorio ed ha colto l’occasione per sottolineare la volontà di lavorare con il Presidente della Regione che, nel rispetto della dialettica politica, di fatto, ha sempre accolto le necessità e i bisogni della nostra comunità. A chiudere l’incontro, il governatore De Luca che ha elogiato il Direttore Generale Volpe per i tangibili risultati di soli tre mesi di lavoro alla conduzione dell’Asl, svolti all’insegna della “concretezza e della collaborazione” per una sanità di eccellenza che contribuirà, anche in virtù dell’uscita dal commissariamento, a far diventare la nostra regione tra le prime in Italia per la qualità dell’offerta sanitaria.
Sono stati successivamente inaugurati la nuova centrale operativa 118 e dell’eliporto, dotata di strumentazioni e di strutture all’avanguardia e la nuova sede del Saut di Airola.
“questo rappresenta solo il primo step di una ristrutturazione e una revisione concreta delle strutture destinate all’emergenza territoriale” ha sottolineato Volpe che ritiene essere un obiettivo primario dell’Azienda la qualità, l’efficacia e anche la dignità delle condizioni di lavoro degli operatori.