Pini di Posillipo, Bassolino firma la petizione

da | Gen 17, 2020 | Cronaca

Il ripristino del patrimonio arboreo di Posillipo è l’obiettivo di cittadini e associazioni che stanno aderendo all’iniziativa del gruppo “Gazebo Verde – comitato per la difesa del verde urbano” guidato da Maria Teresa Ercolanese che dello scempio di uno dei luoghi simbolo di Napoli – privato dei suoi pini quasi secolari – vuol fare una questione nazionale. Di qui la raccolta di firme per una petizione da inviare ai massimi esponenti del governo (e l’invito al ministro Costa a visitare i luoghi). Cresce la mobilitazione. Ieri una manifestazione in via Virgilio: cittadini, professionisti, c’era anche un magistrato. Hanno firmato anche l’ex governatore Bassolino e la senatrice Anna Maria Carloni nonchè due turisti Usa allibiti alla vista delle ceppaie degli alberi abbattuti.
Posillipo (dal greco: pausa dal dolore). Nell’immaginario collettivo, uno stato d’animo oltre che un luogo dal panorama mozzafiato… Dei 1100 pini che furono piantati nel 1930 ne erano rimasti 600 un anno fa, attaccati da un parassita che non dà scampo, la cocciniglia. Negli ultimi mesi tra il Virgiliano, via Tito Lucrezio Caro e via Boccaccio ne sono scomparsi quasi altri 300, travolti dalle tempeste di vento o abbattuti perché a rischio crollo e ciò certamente anche a causa dell’incuria (scarsità di mezzi e personale da parte del Comune). Il parco Virgiliano con i suoi impianti sportivi, poi, è tuttora off limits dall’8 novembre (dopo due mesi iniziata la rimozione di 29 alberi pericolanti). Disagi . Uno scenario desolante, anche per i turisti.
Situazioni analoghe esistono anche in altri quartieri, ma si inizia da Posillipo (ricordate la cartolina col pino?) proprio in quanto simbolo dello scempio del verde napoletano. Prossima tappa, probabilmente, a Scampia, chiesto dagli abitanti. “Dopo la quasi totale eliminazione degli alberi, avvenuta per presunte malattie, improbabili ragioni climatiche e discutibili motivi di rigenerazione urbana”, spiega Maria Teresa Ercolanese, “riteniamo sia essenziale ricreare il paesaggio e la natura della famosa collina. Chiediamo di conoscere programmi e tempi di intervento che assicurino il ripristino del patrimonio arboreo e l’estetica dei luoghi così com’è sempre stato nella storia della nostra città, compresi parchi e giardini”.
Una ecatombe ben documentata sui social. La protesta è partita via facebook. Le nuove adesioni integrano la raccolta di firme sulla piattaforma change.org (online raccolte già 1700 firme) per la petizione che sarà inviata a tutte le autorità competenti, affinchè siano ripiantate tutte le essenze arboree rimosse.

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te