Con Gattuso si riparte dal calcio “solido”

da | Dic 24, 2019 | Calcio Napoli

C’era una volta il calcio liquido di Ancelotti. Benvenuto al calcio solido di Gattuso. In poco più di una settimana il Napoli ha compiuto la sua trasmutazione chimica. A Reggio Emilia siamo tornati alla vittoria dopo due mesi di astinenza e finalmente si è rivisto l’animus pugnandi, il carattere, la personalità e tutto il corredo di attributi che noi napoletani condensiamo in un termine unico e compendioso: cazzimma.

A fine novembre è tramontato quello che il fu Re Carlo battezzò calcio liquido, ovvero quello composto da giocatori eclettici che potessero fare tanti ruoli senza averne uno specifico. Dopo un anno e mezzo però il calcio liquido di Ancelotti è evaporato in un modulo aeriforme che non aveva nulla di stabile. Il voltapagina di De Laurentiis è stato drastico e diamentralmente opposto al capitolo passato. Perché se Gennaro Gattuso è “figlioccio” di Carlo, definito padre putativo, è anche vero che crescendo da allenatore ha abbracciato una strada totalmente agli antipodi.

Il concetto di calcio dell’ex ragazzo di Calabria è identico alla sua indole, alla sua storia, alla sua tempra sia di uomo che di giocatore. Eccolo “Ringhio” un nomignolo che egli stesso non ama ma che lo tratteggia in maniera quanto mai fedele ed eloquente.

A Castelvolturno si è passati dai sussurri del Leader Calmo, alle urla del Combattente furioso, con lo spirito guerrier che entro gli rugge di leopardiana memoria. Tutt’altro registro. Allenamenti a ritmo intenso, dettami severi e inoppugnabili, straordinari tra campo e palestra. E soprattutto una carica quotidiana che ha scosso profondamente un gruppo che era scivolato in un misterioso torpore.

Contro il Parma la voglia di spaccare il mondo è stata fatale. Eppure si sono visti i primi vagiti della creatura plasmata da Gattuso. Al Mapei Stadium finalmente si è saziata la sete di vittoria. Un finale travolgente come quelli che il Napoli esprimeva da tempi che oggi sembrano immemorabili.

L’ultima partita del 2019 è stata l’emblema del nuovo corso, come un ideale passaggio di consegne dall’anno vecchio all’anno nuovo. Dall’emoticon triste e rassegnata di fine novembre all’icona orgogliosa e fiera di questo dicembre che volge al Santo Natale.

È finito il calcio liquido. Si riparte dal calcio solido. Inossidabile come i pilastri che vuole fissare saldamente Gennaro Gattuso. Per erigere la struttura del nuovo e granitico progetto azzurro…

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te