Napoli, la banca non sblocca il conto dell’azienda: senza stipendio dipendenti e fornitori

da | Dic 20, 2019 | Cronaca

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato di aver ricevuto pagamento ed il sopraggiunto accordo con il contribuente, un’azienda con dipendenti e fornitori che aveva subito un pignoramento presso terzi per debito col fisco e subito è corsa alla rateizzazione per evitare danni, ma nonostante ciò la banca UniCredit di Mestre non sblocca il conto rischiando di mandarla in fallimento. Accade a Napoli dove ha sede legale il titolare della ditta “Ac Distribuzione srl”, il malcapitato Gerardo Esposito che non potendo pagare dipendenti e fornitori si è rivolto all’avvocato Angelo Pisani in cerca di aiuto in questa intricata vicenda che si consuma sotto Natale. Una vicenda che nasce quando il Fisco, senza mandare un preavviso al contribuente con un invito al contraddittorio, dispone il pignoramento presso terzi del conto corrente salvo poi tornare sui suoi passi quando il contribuente corre a pagare il suo debito. Così l’Agenzia delle Entrate provvede tramite pec a chiedere alla banca di non proseguire il pignoramento e sbloccare il conto pignorato. “Ma la banca UniCredit di Mestre – spiega l’avvocato Angelo Pisani, presidente dell’associazione ‘Noi Consumatori’ – pretestuosamente si rifiuta danneggiando il correntista che può rischiare il fallimento. Sono 39 i dipendenti e i fornitori che rimarranno a Natale senza stipendio e pagamenti per il rifiuto da parte di UniCredit di sbloccare conti correnti e restituire le somme congelate al correntista nonostante l’Agenzia delle Entrate, regolarizzata la rateizzazione con il contribuente, abbia invitato per iscritto la banca a non proseguire nel pignoramento  esattoriale – afferma ancora l’avvocato Angelo Pisani – . Sono pronto a presentare denuncia per la grave violazione dei diritti del contribuente ostaggio della burocrazia e illegittima condotta della banca ma anche ad addebitare alla stessa qualsiasi danno o pregiudizio ai dipendenti lasciati in bianco nei giorni di Natale che minacciano di trascorrere le feste proprio presso la sede di UniCredit”. I dipendenti in questione sono tutti napoletani e minacciano ogni azione legale per aver stipendi che la banca non fa pagare. “Tra l’altro – dichiara ancora Pisani – purtroppo è il dramma che vivono tutti quelli che subiscono un pignoramento del fisco sui conti e poi pur pagando le tasse rimangono bloccati e spesso esclusi dai circuiti finanziari legali cadendo anche spesso nelle tenaglie degli usurai. Non poter comprare i regali ai figli e i prodotti di Natale viola la dignità e la psiche di qualsiasi genitore – conclude Pisani – eppure tra computer e lungaggini giudiziarie non c’è difesa poi quando ci sono tragedie tutti si meravigliano”.
In merito alla vicenda l’UniCredit ha precisato di essere ancora in attesa della corretta ed esplicita autorizzazione formale da parte dell’Agenzia delle Entrate allo sblocco delle somme oggetto di pignoramento.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te