A Milano si vive meglio ma solo per gli italiani. All’estero vince Napoli

da | Dic 18, 2019 | Cronaca

Per il “Sole24ore” Milano è la città dove si vive meglio. Ce lo dicono e ce lo ripetono ogni tanto. Non c’è il mare, non c’è l’aria pulita, non c’è Capri né Amalfi a due passi, non c’è tanto sole e, anzi, in termini di delinquenza ci sono più reati che in tutte le altre città italiane. Eppure ormai l’hanno deciso: a Milano si vive meglio!
Così come decisero che tutte le banche si dovevano salvare tranne il Banco di Napoli. E
mentre gli italiani premiano Milano, gli stranieri preferiscono Napoli: tanti i titoli sui giornali internazionali che elogiano la città partenopea come la migliore da visitare nel Belpaese. “Italy’s coolest city: why Naples is the place to be right now”: per la Lonely Planet Napoli è la città più bella d’Italia ed il posto dove recarsi subito in visita.

Però, all’interno delle mura di cinta dello Stivale, qualcuno potrebbe offendersi. E allora facciamoli contenti: “Sì, a Milano si vive meglio”. Ripetiamo tutti in coro: “A Milano si vive meglio!”.
Fateli contenti, per favore. Noi siamo seri: non abbiamo bisogno di targhe e premiazioni varie, né tantomeno di primati. E non apriamo il capitolo dei primati che sennò facciamo notte ad elencare tutti i primati della nostra terra.
Però l’importante è che non li contraddite: “A Milano si vive meglio!”. Un po’ come, qualche anno fa, bisognava dire che “Napoli deve cambiare”. Fu l’eterno Massimo Troisi a trovare
la risposta giusta: “Ma perché non cambiate Rovigo?!”.
E allora, come fa una mamma con un figlio da consolare, noi adotteremo Milano e ripeteremo, tutti in coro “sì, sì,bell’e mammà, a Milano si vive meglio”.

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato un 39enne di Quarto già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Questa mattina il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il nuovo Prefetto di Napoli Claudio Palomba, napoletano di 61 anni, tornato nella città partenopea dopo aver guidato la prefettura di Torino  «Una figura di assoluto prestigio con...

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Conte di Ruvo sono stati avvicinati da un passante che ha segnalato loro un furto in atto ai danni di un bar in via Bellini. I poliziotti, ...

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Gli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Campania, nell’ambito dei servizi di vigilanza predisposti in stazione, hanno arrestato un cittadino algerino 50enne per il reato di furto aggravato. L’uomo ha attirato l’attenzione degli operatori della Squadra...

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Lo spazio culturale di eccellenza per la ricerca  pedagogica nell’assonanza tra teatro e insegnamento Il bisogno delle relazioni, dei rapporti con gli altri stimola anche la didattica universitaria post Covid: ritorna, infatti, in presenza, il 26 novembre, nel Teatro...

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

A seguito di una segnalazione, il personale della Polizia Locale di Napoli, dell’U.O. Avvocata, insieme al reparto specialistico di Tutela Edilizia, è intervenuto in Via Emanuele De Deo, dove, terzo piano di un grande condominio, il proprietario di un appartamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te