Hi-Performance Italia chiude il mondiale al sesto posto

da | Dic 15, 2019 | Sport

Conferma al sesto posto della classifica generale e al quinto della Pole Position (in questo caso alla pari con Giovanni Carpitella e Darren Nicholson, che nella generale lo hanno preceduto di pochi punti) per il team Hi-Performance Italia nel Mondiale di motonautica classe X-Cat, primo equipaggio tutto italiano nella classifica finale. L’ultima tappa della rassegna iridata, nelle acque di Dubai, ha regalato due gare spettacolari che hanno portato alla vittoria del titolo di Maritimo, lo scafo australiano che ha superato le barche dei campioni di casa.

Lo scafo partenopeo con a bordo Giuseppe e Rosario Schiano si è dimostrato all’altezza dei campioni che lo precedevano in classifica, con una grande partenza nella gara di ieri che lo ha portato al quarto posto. Lo stop causato da un incidente al team Newstar ha vanificato lo sforzo e dopo la ripartenza Hi-Performance Italia ha chiuso la gara al settimo posto. Molto combattuta la gara di oggi, invece, con continui sorpassi che hanno portato la barca dei fratelli Schiano ai piedi del podio in diverse occasioni, anche se a fine corsa il risultato è stato un sesto posto, alle spalle dei team che hanno dominato la classifica generale durante tutto l’arco della stagione.

Una conferma dei valori visti durante l’anno, ma con la consapevolezza che la velocità della barca può portare Hi-Performance Italia, che batteva bandiera del Circolo Canottieri Napoli e che ha goduto del supporto delle aziende Supermercati Piccolo, McDonald Salerno e Sunrise, a crescere ancora in vista della prossima stagione. Un obiettivo raggiungibile anche grazie al lavoro di preparazione che ha già visto impegnati, oltre ai piloti, il team manager Antonio Schiano e i tecnici Vincenzo Alessio, Nicola Guardascione, Vincenzo Guidone e Ciro Pietrangeli.

“Considerato che a Stresa non abbiamo potuto concludere una gara, il sesto posto in classifica generale è un risultato prestigioso e avremmo potuto ottenere ancora qualcosa in più con quei punti che ci sono mancati a inizio stagione – spiega Antonio Schiano -. L’intesa tra Giuseppe e Rosario cresce gara dopo gara, c’è tanto da lavorare ma i margini di miglioramento sono ampi e questi risultati ci danno la spinta per preparare al meglio la prossima stagione, nella quale vogliamo essere ancora più competitivi. La soddisfazione è di aver scelto, per la seconda volta, una barca americana molto veloce. Il Doug Wright, con i due motori Mercury Racing da 400 cavalli, si è dimostrato altamente competitivo e ha permesso a noi, che corriamo per passione, di giocare alla pari contro piloti professionisti. Le qualità della barca e di tutto il team, dai piloti ai tecnici, ci hanno permesso di essere tra i primi al mondo e questo è un orgoglio dal quale vogliamo ripartire in vista della prossima stagione”.

Nuoto, domani e giovedì l’ultimo match di Isl a Napoli

Nuoto, domani e giovedì l’ultimo match di Isl a Napoli

In vasca Iron, Dc Trident, Tokyo, New York. In palio gli ultimi due pass per i playoff di Eindhoven   Undici match e quaranta giorni di sfide tra i più grandi nuotatori del mondo nella piscina Scandone con record mondiali continentali e nazionali. Sfide all'ultimo...

Napoli Cup, il grande tennis torna in città

Napoli Cup, il grande tennis torna in città

Dopo cinque anni di assenza, il Grande Tennis riconquista Napoli. Dal 3 al 10 ottobre prossimo il Tennis Club Napoli ospiterà la Tennis Napoli Cup, torneo internazionale inserito nel calendario del Challenger Atp Tour, che assegnerà punti per il ranking mondiale Atp e...

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

Quanto tempo passiamo a giocare da mobile? I risultati di uno studio

Quanto tempo passiamo a giocare da mobile? I risultati di uno studio

Non solo console, perché oggi il gaming passa anche e soprattutto da device mobile come gli smartphone. Quelli che un tempo erano semplici telefonini, attualmente possono essere considerate delle vere e proprie piattaforme per i videogiochi, visto l’incredibile numero...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

Ippica, Lotteria di Agnano, edizione memorabile

“È stata un'edizione del gran premio Lotteria memorabile e poco prevedibile come nelle attese, perché tanti i campioni in campo, tanti i motivi e i retroscena di una delle più belle edizioni di sempre. A parte il vincitore Zacon Gio in binomio con Telethon, i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te