Lusciano, presentato il libro di Sarnataro e Materazzo “La Storia del Grande Napoli in 501 domande e risposte” Ospiti Bruscolotti, Casale,m D’Angiò e Cesarano

da | Dic 13, 2019 | Cultura&Spettacolo

Lusciano, presentato il libro di Sarnataro e Materazzo

 “La Storia del Grande Napoli  in 501 domande e risposte”

Ospiti Bruscolotti, Casale,m D’Angiò e Cesarano

Ecco “Ringhio Star”, la pizza amuleto dei gemelli Fusco in onore di Rino Gattuso

 a base di ‘nduja, prodotti tipici calabresi e mozzarella di bufala campana dop

E’ stato presentato ieri a Lusciano, presso la pizzeria gourmet Benvenuti al Sud, il libro «La storia del grande Napoli in 501 domande e risposte», l’ultimo lavoro di Dario Sarnataro e di Giampaolo Materazzo per la Newton Compton Editori (343 pag. 12 euro): un archivio di ricordi ed emozioni, una collezione di aneddoti, un fitto dialogo, declinato in domande e risposte, che racconta la storia del Napoli dal 1926 ad oggi. L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con il Birrificio Partenopeo.

La serata, moderata dal giornalista di Radio Marte Gianluca Gifuni, ha visto la partecipazione di tanti volti noti, a partire dallo storico capitano Peppe Bruscolotti“Essere nella storia del Napoli è per me sempre un onore – ha detto – e quindi sono felice di essere parte di questo libro. Ho avuto l’onore di vincere lo scudetto e di giocare con Maradona. I miei allenatori preferiti? Vinicio, Pesaola e Marchesi, ma c’è anche Bianchi in questa classifica. La fascia di capitano? E’ pesante, perché devi essere un riferimento per i tuoi compagni ma anche per la società. Un filtro che forse è mancato in queste settimane difficili. Cosa avrei fatto io in quella serata del 5 novembre? Avrei detto ai miei compagni che si doveva andare in ritiro e poi che ne avremmo parlato con la società. Gattuso? Mossa addirittura tardiva, perché l’ambiente si era appiattito. E’ una persona che può fare bene, lo spogliatoio ha bisogno di una figura come lui che scuote i ragazzi e non le manda a dire. Sono fiducioso che tutto si può risollevare con lui. E’ uno diretto, leale”. Con lui anche l’ex azzurro Pasquale Casale: “Felice di esserci in questo libro, perché scripta manent… Gattuso? Bisogna vedere per quale motivo è venuto, se era un problema di rapporti con l’allenatore sarà l’uomo che porterà nuovo entusiasmo, sarà il pacificatore. Da allenatore spesso sono subentrato a stagione in corso, è sempre un vantaggio perché peggio di come era prima non puoi fare”. La storica firma del giornalismo napoletano, Rino Cesarano, ha raccontato aneddoti storici e ha detto la sua sul momento attuale: “Conosco bene Gattuso, avendolo frequentato quando era calciatore alla Salernitana. Ha tante doti, è uno studioso ed è soprattutto dotato di grande umiltà”.A impreziosire la serata c’era anche Lino D’Angiò, impegnato a teatro da gennaio con “Tutta colpa di Tele…Garibaldi” con Alan De Luca. Tra un’imitazione e l’altra ha fatto sfoggio di ricordi azzurri. “Ancelotti dirà a Ringhio di vendicarlo nello spogliatoio… scherzi a parte spero che Gattuso possa dare quella rabbia e quella scossa che servono per ridare fiato alle speranze dei tifosi”.

In occasione dello speciale evento, i pizza chef di Benvenuti al Sud Danilo e Mirko Fusco hanno voluto salutare l’arrivo di Rino Gattuso sulla panchina del Napoli dedicandogli la pizza amuleto “Ringhio Star”, cotta in un rutiello di rame, con base di ‘nduja e prodotti tipici calabresi, ma con l’immancabile Mozzarella di Bufala Campana Dop all’uscita. I fratelli Fusco hanno inteso omaggiare così il nuovo tecnico azzurro, mediante un intreccio di sapori mediterranei, con l’auspicio che il gusto piccante possa rinvigorire la squadra partenopea.

 “Avendo l’onore – affermano Danilo e Mirco Fusco – di presentare ufficialmente nel nostro locale il bellissimo libro sulla storia del Napoli di Sarnataro e Materazzo, abbiamo pensato di dare il benvenuto al nuovo allenatore Rino Gattuso, dedicandogli una pizza speciale, intrecciando i sapori della sua terra, la Calabria, con quelli della nostra Campania Felix. Esseno lui un uomo del Sud, più che un benvenuto, si tratta di un bentornato e noi abbiamo pensato di accoglierlo così. Ovviamente, quando il Mister vorrà, saremo ben lieti di ospitarlo ai nostri tavoli e di fargli assaggiare la pizza “Ringhio Star”, ma anche le altre nostre prelibatezze”.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te