Adl e Carlo: c’eravamo tanto amati

da | Nov 19, 2019 | Calcio Napoli

di Marco Bruttapasta

Se Giambattista Vico avesse potuto assistere alle vicende pallonare del Napoli degli ultimi anni, avrebbe trovato nei rapporti tra Aurelio De Laurentiis e i suoi allenatori, autorevole conferma alla teoria dei corsi e ricorsi storici.
Ogni liaison tra il presidente e i vari coach vive ormai fasi, abbastanza scontate nel loro dipanarsi per il grande pubblico: inizi romantici, con appuntamenti a Capri, promesse d’amore eterno, i primi segni di freddezza che emergono qua e là, il silenzio imbarazzato dei protagonisti alle domande di rinnovo quando l’epilogo del contratto appare via via meno remoto e poi la rottura.
Un copione che si ripete dai tempi di Mazzarri, con qualche leggera variazione sul tema.
Carlo Ancelotti sembrava poter costituire l’eccezione che conferma la regola, ma dopo il broncio pubblico, riguardo al ritiro imposto urbi et orbi tramite radio dal presidente nei giorni pre Napoli-Salisburgo,con il sopracciglio innalzatosi oltre il livello di guardia che già lasciava presagire un futuro lontano da Posillipo, i pareggi con gli austriaci, l’ammutinamento degli atleti e il brutto pari interno con il Genoa, hanno accelerato le pratiche per il divorzio, possibile anche a stagione in corso.
I giornalisti più vicini alla società si affrettano a parlare di fiducia rinnovata, ma in realtà De Laurentiis di telefonate ne ha fatte eccome.
Tra i destinatari delle interurbane, oltre ai nomi già più o meno strombazzati dai media, da Gattuso ad Allegri, passando per Spalletti, vi è un candidato “speciale” anzi “special”: l’ex tecnico di Real e Inter, Josè Mourinho.
Da voci molto vicine alla società, emerge il contatto tra De Laurentiis ed il portoghese, che si sarebbe detto interessato in caso di proposta più dettagliata.
Nonostante i risultati non sempre esaltanti ottenuti dai tecnici più blasonati sulla panchina partenopea, De Laurentiis pare stuzzicato dall’idea di affidare il Napoli all’ennesimo tecnico vincitore della Champions League.
Quanto agli altri nomi, Allegri non appare interessato ad un avvicendamento in corsa, dicendosi eventualmente disponibile ma solo da giugno, Manchester United permettendo, mentre per quanto concerne Spalletti, il vincolo contrattuale del tecnico con l’Inter ha già rappresentato un ostacolo insormontabile per la dirigenza del Milan e peserebbe non poco sulle casse azzurre, messe a dura prova da un ipotetico divorzio con Re Carlo, senza dimissioni.
Molto passerà dai prossimi impegni: a San Siro e ad Anfield.
Ancelotti confida sempre in Vico, ricordando come salvò la sua prima panchina di A proprio contro il Milan, quando allenava il Parma. Tutto era pronto per il suo esonero, dopo l’autunno nero della squadra gialloblu, già c’erano stati discorsi di commiato con i calciatori, ma il destino cambiò espugnando San Siro con una rete di Marione Stanic, inaugurando un filotto di vittorie che quasi spinse gli emiliani al titolo.
Vincere a San Siro riporterebbe il Napoli in scia delle battistrada Champions, magari dopo aver tifato una volta tanto la Juventus, impegnata a Bergamo contro la nostra rivale Atalanta.
Dopo Milano c’è una trasferta proibitiva a Liverpool.
Perdere con i Reds rientrerebbe nell’ordinaria amministrazione e potrebbe non avere effetti sul girone, ma sarà importante come gli azzurri usciranno dal campo: se a testa alta come un anno fa, anche un ko potrebbe servire a ricompattare l’ambiente, se invece i Reds dovessero dilagare, le voci di esonero aumenterebbero esponenzialmente.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te