A Milano per scoprire il nuovo Napoli

da | Nov 18, 2019 | Calcio Napoli

Si torna al campionato dopo l’ennesima sosta per la nazionale ed il suo “record” di 10 vittorie consecutive cui Mancini ha dato il giusto valore, quasi zero, pensando agli impegni “veri” di Europa 2020 – ai tempi di Pozzo esistevano nazionali dai discutibili valori tecnici come Armenia, Liechtenstein, Andorra, Gibilterra ecc. ecc.?-.
Nazionale che, tuttavia, a fronte delle polemiche in campionato, tra “rivolte” e contestazioni vere o presunte tra allenatori dirigenti e giocatori sembra l’oasi felice del calcio di casa nostra, capace di rigenerare testa e gambe dei ragazzi di Mancini. Come Insigne, ad esempio. In Nazionale tra i migliori, nel Napoli un “oggetto” improvvisamente misterioso. Naturalmente non è così, ma l’argomento ritorna puntualmente d’attualità dopo ogni prestazione di Insigne con l’azzurro olimpico. Il Napoli, in verità, in questo momento ha un solo grande problema che non è il Lorenzo da Frattamaggiore: come affrontare il presente per preparare il futuro, magari iniziando sin dal mercato di gennaio. Non è poca cosa se si considera che squadra e tecnico devono dare una prova di maturità globale dopo quanto accaduto. Ancelotti, sin qui, ha difeso strenuamente la sua idea di calcio che abiura il 4-3-3 di sarriana memoria, ma intanto la buona prestazione di Insigne in nazionale, condita pure da una rete, impone delle considerazioni cui il tecnico non può sottrarsi. Col 4-3-3 di Mancini, il “ribelle” di Frattamaggiore trova la sua dimensione migliore e quando chiamato in causa ha sempre dato un buon contributo segnando anche qualche golletto pesante. Allarghiamo ora il fronte del 4-3-3 in casa Napoli. In squadra oltre Insigne ci sono altri interpreti del modulo “scoperto” da Sarri su richiesta dei giocatori: Hysaj, Mario Rui, Koulibaly, Allan Callejon, Mertens e Zielinski. Otto giocatori che rappresentano quel “patrimonio di conoscenze calcistiche” ereditato da Ancelotti, come da lui stesso definito, “al quale cecherò di aggiungere qualcosa di mio per rendere più forte una squadra dalla qualità e dai valori tecnici già molto buoni”. Ipse dixit re Carlo.
Senza polemizzare, alla squadra non sembra aver dato, finora, molto di suo se non una “pericolosa” tranquillità, facendo addiritture perdere quel “patrimonio di conoscenze calcistiche” che avevano portato il Napoli ad essere la seconda squadra italiana. Con la sua performance in nazionale , da esterno alto a sinistra nel modulo di Mancini, Insigne ripropone, l’amletico dubbio di molti: “Giocare o non giocare con il 4-3-3? Questo è il problema!”. A nostro avviso un falso interrogativo perchè Ancelotti ha schierato finora un Napoli sempre diverso, anche negli uomini, utilizzando fondamentalmente il 4-4-2 solo in fase di non possesso palla, cioè difensiva, mentre in fase d’attacco quasi mai ha trovato la chiave giusta e definitiva, la soluzione tattica razionale, geometrica per dare un’identità precisa allo sviluppo del gioco, confidando, diciamo così, più sull’estro e sulle qualità dei singoli che non di una coralità fatta di scambi continui, di palla avanti- palla dietro con tagli improvvisi alla ricerca della profondità vincente, o con gli inserimenti centrali degli esetrni alti per dare campo ai terzini di salire e cercare da fondo campo il cross decisivo. E allora, viste le tante prerogative perse da una squadra che sembra in crisi d’identità, perchè non ricominciare dal 4-3-3? Certo, tocca ad Ancelotti trovare quelle modifiche necessarie vista l’assenza di uomini a suo tempo fondamentali come Albiol, Jorginho e Hamsik; ma non s’è detto, in sede di previsioni che questo Napoli era il più forte degli ultimi anni? Siamo convinti che un “ritorno” al passato sia la ricetta migliore, per Ancelotti e per il Napoli per il “ritorno al futuro”. Una ricetta che, siamo certi, ricreerebbe un clima da “nazionale”, non solo per Insigne. Ancelotti è ad un bivio anche per il suo futuro, difficilmente a Napoli, ed allora deve solo rafforzare sè stesso e la “sua” squadra, allentando le tensioni interne e rendendola impermeabile a quelle esterne. Sarà un caso, ma proprio contro il “suo” Milan, Ancelotti dovrà far “scoprire” il “suo” Napoli. In una di quelle partite da “dentro o fuori” che danno il vero spessore di una squadra.

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te