Cibo, sartoria, cultura, invenzioni: ma senza Napoli.. che cosa sarebbe dell’Italia?

da | Nov 16, 2019 | Cronaca

Dicono Italia ma in realtà vogliono dire Napoli. Le eccellenze famose al mondo di cui si vanta il Belpaese sono, in realtà, quasi tutte “made in Napoli”. Moda, cucina, musica, arte e altro ancora: l’Italia è in debito con Napoli di tanta fama e successo nel mondo il cui merito sarebbe dovuto spettare all’ingegno e alla creatività del popolo partenopeo ma che, alla fine, è stato accomunato come “italiano”. A partire dall’antica sartoria napoletana, coi maestri delle botteghe partenopee che hanno studiato gli abiti inglesi e riproposto dei modelli più leggeri e disinvolti di quelli di George Bryan Brummel prima e di Lord Byron poi dando vita a quello che poi è stato definito “lo stile italiano”. In realtà si tratta della scuola di sartoria napoletana, nata tra i vicoli della città più affascinante e originale del mondo. E mentre qui si produceva l’abito napoletano, al Nord si lavorava la terra e Milano non sapeva nemmeno cosa fosse la moda.
Hollywood, non a caso, ha dato spazio sempre alle bellezze di Napoli e i divi del cinema americano hanno sempre scelto per le vacanze Capri, Ischia e la costiera amalfitana, dove il ballerino russo Rudolf Nureyev, il milgiore al mondo, acquistò addirittura un’isolotto. Per non parlare, poi, di Pompei e del Vesuvio, luoghi unici al mondo. La cucina di Napoli è sicuramente la più ricca d’Italia nel mondo: in America, ma non solo, ammattiscono per la lasagna che è un piatto tipico napoletano. Anche la mozzarella è, da sempre, una produzione della nostra terra, da Caserta al Cilento passando per Napoli ovviamente. La pizza merita un capitolo a parte: prelibatezza nata a Napoli di cui si vanta tutta l’Italia. Quanto ad invenzioni napoletane, va ricordato che, oltre alla forchetta di oggi ideata dai Borbone, anche la bevanda “Fanta” è stata invenata da un napoletano, Ermelino Matarazzo nello stabilimento della Società Napoletana Imbottigliamento Bevande Gasate prima di essere acquistata dalla Coca Cola. Così come il gelato più famoso al mondo, il “Cornetto”, lo si deve alla gelateria Spica di Napoli col brevetto che fu poi acquistato dalla Algida. L’elenco è ancora lungo ma vale la pena soffermarsi sulla canzone italiana, che viene identificata erroneamente nel mondo con la più celebre canzone Napoletana a tal punto che all’estero, in molti Paesi, sono convinti che l’inno nazionale italiano sia “O’ sole mio”. Non solo, mentre i cantanti italiani hanno espresso il loro repertorio migliore negli Anni Sessanta copiando le canzoni straniere, al contrario le canzoni napoletane sono state copiate dagli americani. Basti pensare alla celebre “O’ sole mio” cantata da Elvis Presley oppure ai motivi indimenticabili di Renato Carosone, (a partire da “Tu vuo’ fà l’americano”) che ancora oggi vengono riproposti nelle hit mondiali in versione remixata e rivista. Dall’altro lato, gli italiani copiavano canzoni estere: si va da Patty Pravo con “Ragazzo triste” ad Adriano Celentano con “Il problema più importante” e con “Pregherò”, da Mina con “Città nuova” a Little Tony con “Riderà’’, fino a Gianni Morandi con “Scende la pioggia” e “Se perdo anche te”. Tutte cover! Insomma, un’epoca di plagi italiani e successi napoletani: negli anni Sessanta, l’inventiva dei cantanti italiani era pari a zero mentre Napoli, col suo Festival, sfornava motivi unici ed originali uno dopo l’altro. Mentre il resto del Belpaese produceva canzoni scopiazzate dall’estero, le canzoni di Napoli, al contrario, venivano scopiazzate e apprezzate all’estero. Il mondo segue Napoli, da sempre. L’Italia snobba Napoli, da sempre. Ma oggi è arrivato il momento di rendere merito a questa città ricca di talenti e di invenzioni che hanno reso celebre l’Italia. Quell’Italia che senza l’antica sartoria napoletana non avrebbe uno “stile italiano” riconosciuto in tutto il mondo. E senza il cibo e le canzoni napoletane non sarebbe così apprezzata nel mondo. Quell’Italia che, a conti fatti, senza Napoli sarebbe meno bella e meno affascinante. E meno ricca. Eppure gli italiani continuano a trattare Napoli con irriconoscenza e discrimazione, amplificando solo gli aspetti negativi della città. Ma senza Napoli, senza le sue eccellenze famose in tutto il mondo, che ne sarebbe dell’Italia?

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te