Un’altra grande festa per Lorenzo Crea. Il Direttore di Retenews24 e animatore di tanti eventi napoletani ha festeggiato insieme a sua Madre, la Senatrice Graziella Pagano, i suoi 33 anni al Row Club di Via Dei Mille con oltre 500 invitati.

da | Nov 13, 2019 | Calcio Napoli

Un’altra grande festa per Lorenzo Crea. Il Direttore di Retenews24 e animatore di tanti eventi napoletani ha festeggiato insieme a sua Madre, la Senatrice Graziella Pagano, i suoi 33 anni al Row Club di Via Dei Mille con oltre 500 invitati.
Un compleanno speciale reso ancora più significativo dopo un anno particolarmente duro per via della malattia che ha colpito Graziella.
Fortunatamente il peggio è alle spalle e allora quale migliore occasione per ringraziare amici e conoscenti con un mega party in stile Grande Gatsby?
L’evento è stato curato nei minimi dettagli da uno staff composto da Steve di Maio che si è occupato della scenografia, da Bruno del Grosso e Gaetano Gaudiero che hanno curato la parte artistica, da Mario Agozzino che ha supervisionato la serata con i suoi scatti, e da Gianpiero Teta e Simona Bosso che si sono preoccupati della organizzazione generale.
Particolarmente apprezzata l’accoglienza curata dalla Gp Entertainment Agency di Priscilla Avolio e emozionante la sorpresa dei Gitano group che hanno commosso i presenti con la loro performance.
Dopo l’assaggio al ricco buffet del Row, impreziosito dai dolci di Cuori di Sfogliatella, dai gelati di Riccardo Eboli, dalla cioccolata di Gallucci e dal superbo Sushi di Shinto, sono scattate le danze.
E non è stato difficile scatenarsi in pista visto che sul palco si sono susseguiti Federica Cardona e la sua Diva Orchestra, Monica Sarnelli con la sua voce calda e coinvolgente, il Soprano Julia Burduli sempre più innamorata di Napoli, ed Erminio Sinni che ha fatto impazzire i presenti con i suoi successi intramontabili.
Fra danze e sorrisi sono stati visti fra gli altri Gino Serrao, Enzo Agliardi, Edoardo Angeloni, Silvio Smeraglia, Anna Sommella, Titti Petrucci, Nicola Diomaiuta, Francesca Puca, Anna Vecchione, Anna Immobile, Marianna Abate, Maridi Vicedomini, Ester Gatta, Gaia Giordano e Daniela Turrà, Genny Parlati, Angelo Simonelli e Marianna Foi, Bruno Pinci e Rosa di Caprio, Tiziana Astuto e Salvatore Altezza, Floriana Romanzi, Riccardo Sorrentino, Ezio Tornincasa e Grazia Beneduce, il “gruppo dei commercialisti” Franco Nasta Francesco Viti e Mimmo Posca, Angela e Marco Bottiglieri, Ermando Mennella, Gerardo Sorrentino, Aurelio e Fabrizio Fierro, Carla Troise, Dario Guida, le sorelle Angela e Antonella Klain, Ciro Prato, Raffaele Pagano Patron di Assofram, Pina Francesco e Nicola Massimo (cugini di Lorenzo) e tantissimi altri che sarebbe impossibile citarli tutti.
Entrambi raggianti i festeggiati, Lorenzo con la compagna Jessica, elegantissima e in perfetto stile Gatsby, e la sorella Monica e Graziella che ha intrattenuto i suoi ospiti nella “Tana” del Row, l’esclusivo ristorante appena inaugurato da Enzo De Pompeis.
Non potevano mancare l’Onorevole Gennaro Migliore, la Senatrice Valeria Valente, Mario Casillo Capogruppo del PD in Consiglio Regionale, l’Avvocato Assunta Tartaglione Capo della Segreteria Politica del Governatore Vincenzo De Luca, il Presidente di Eav Umberto de Gregorio, il Presidente del Rotary Posillipo Maurizio Maddaloni con la moglie Ada, il Patron di Canale 21 Paolo Torino, Sergio Di Sabato, le amiche di sempre Giovanna Borrello, Gina Esposito, Giovanna Martano, Susy Esposito, Valentina Sanfelice di Bagnoli, e Marilicia Salvia con Gino Giaculli.
Una festa perfettamente riuscita che è stata documentata in ogni particolare dalle telecamere di We Can Dance con Dino e Stefano Piacenti, di Dive&Divi con Alfredo Mariani, di TeleCapri con Gianni De Somma, di Magda Event’s con Magda Mancuso, di Eventi in Anteprima con Maria Cosenza e di Contatto Tv con Nick Paino.
Chiusura in bellezza con la torta a tema realizzata dal maestro pasticcere Sabatino Sirica e brindisi finale per salutare e ringraziare i presenti.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te