La Galleria Marrocco inaugura sabato 15 novembre 2019, alle ore 19.00

da | Nov 9, 2019 | Cultura&Spettacolo

La  Galleria Marrocco inaugura sabato 15 novembre 2019, alle ore 19.00

la prima mostra personale di Luca Petti

Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche
a cura di Letizia Mari

 

La Galleria Marrocco è lieta di presentare la prima mostra personale dell’artista Luca Petti (Benevento, 1990), Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche, che inaugura la stagione espositiva 2019/20 nel nuovo spazio della galleria a Palazzo Venezia, ubicato nel centro storico di Napoli.

La mostra Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche, a cura di Letizia Mari, è un progetto espositivo che nasce da un intenso confronto con l’artista. Le opere presenti in mostra, per la maggior parte inedite, si inseriscono all’interno dello storico palazzo, costruito nel XV secolo in stile neoclassico. Situato sul decumano inferiore, è testimonianza di un insieme di relazioni politiche ed economiche tra la Repubblica di Venezia e il Regno di Napoli. Oggi è sede di diverse attività culturali tra cui quelle dell’associazione A’Mbasciata.
Il nuovo gruppo scultoreo segna il traguardo di una ricerca che Luca Petti porta avanti da anni. Dall’opera Transizioni che l’artista realizza nel 2013 ad Arte Sella –rassegna di arte contemporanea immersa nella natura del Trentino– le sue osservazioni sono state sempre segnate da un attento studio sul mondo vegetale e animale.
La mostra si interroga sulle dinamiche che intercorrono tra uomo e natura. Le sculture dell’artista, come colte di nascosto nel loro habitat (un display site-specific pensato per gli spazi della galleria), si avvalgono di movimenti solo percepiti. L’esposizione tenta di definire gli interrogativi che l’artista all’inizio di questo percorso di ricerca si era posto. Quali sono i meccanismi che regolano la convivenza tra esseri vegetali e animali, quali le dinamiche di interazione tra questi due mondi? Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche osserva queste macro categorie come universi che si incontrano e si scontrano in una danza di equilibri precari. In un certo senso questo approccio guarda a un’impresa molto più grande: eludere gli inquilini del pensiero moderno e sfidare l’esclusività del conoscere e del sentire come attributi umani.
In questa visione, manipolare le strutture e rimodellare le funzioni sembra una possibile chiave metodologica per immaginare alternative nascoste, per creare nuove relazioni. Luca Petti traduce questa riflessione in forme estetiche che si appropriano dello spazio in cui sono inserite.

L’opera Symbiotic relationship (2019) segna l’inizio di questo percorso, che mira con uno sguardo quasi alchemico, a estrapolare ed enfatizzare forme e colori che caratterizzano l’interazione fra piante e animali. Attraverso il processo di floccatura elettrostatica, le sottili forme in ferro e acciaio extramirror si relazionano tra loro. Ognuno degli elementi, come in natura, non può scindere la sua esistenza dall’altro ed è in questa relazione simbiotica che si manifesta la realtà. Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche racconta una storia che guarda a un riposizionamento dell’uomo, uno sguardo gettato verso coabitazioni future.

Luca Petti è nato a Benevento nel 1990. Attualmente vive e lavora a Milano. Trasferitosi nel 2010 per studiare all’ Accademia di Belle Arti di Brera (Milano), dal 2015 al 2017 prende parte al progetto collettivo da lui co-fondato, Agreements to Zinedine – ATZ un’agenzia non costituita, fondata da artisti per artisti. Tra le partecipazioni si ricorda l’opera “Transizioni” (2013) situata nel parco di Arte Sella, l’installazione permanente del 2015 al MAAM, Museo dell’altro e dell’altrove di Roma, il programma di workshop e residenza ACADEMY AWARDS, ViaFarini (Milano) a cui ha preso parte nel 2015/2016 e la partecipazione alla 16° Biennale di Architettura, Padiglione della Lituania, Swamp Pavillion a cura di Nomeda e Urbonas Gediminas. Dal 2018 è docente di Tecniche della Scultura, presso l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia.

 

La Galleria Marrocco fondata nel 2014 a Cassino (FR) da Giorgio Marrocco, nasce con l’obiettivo di promuovere artisti emergenti nazionali e internazionali attraverso mostre e collaborazioni. Nel 2019 trasferisce la sua attività nel centro di Napoli, nello storico Palazzo Venezia, al fine di incrementare la dinamicità del suo operato.

 

L’associazione culturale A’Mbasciata nasce nel 2017 per il recupero culturale, architettonico e sociale di Palazzo Venezia, ubicato nel pieno centro storico di Napoli, patrimonio dell’UNESCO dal 1995.

 

 

 

 

 

SCHEDA TECNICA

Mostra:                                                Luca Petti
Titolo:                                     Nature is our gardener. Relazioni simbiotiche
Inaugurazione:                        venerdì 15 novembre 2019, ore 19.00
press preview ore 12.00
Durata:                                    16 novembre – 1 dicembre 2019
Sede:                                       Galleria Marrocco, A’Mbasciata, Palazzo Venezia
via Benedetto Croce 19, 80134 Napoli, tel. +39 3939852439
www.galleriamarrocco.it   – info@galleriamarrocco.it
Orari di galleria:                      lunedì – sabato 10.00/13.00 e 15.00/19.00

 

 

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te