Salisburgo-Napoli
(sscnapoli.it)

Un Napoli furbo e cinico batte il Salisburgo nella Red Bull Arena, vera e propria roccaforte della squadra austrica che non perdeva una partita tra le mura amiche da tre anni.

Una vera e propria roccaforte la Red Bull Arena per la squadra austriaca, il Napoli conquista la vittoria tra le mura amiche del Salisburgo che non perdeva in casa da 70 gare tra cui 19 europee. Un’impresa, quindi degli azzurri che mantengono la vetta della classifica in un girone inizialmente apparso abbordabile, ma che sta mostrando spigoli pericolosi, proprio come il Salisburgo che non ha demeritato contro il Liverpool tantomeno contro il Napoli, infatti gli uomini di Ancelotti hanno dovuto mettere in campo furbizia, sofferenza e cinicità per portare a casa tre punti fondamentali per il passaggio della fase a gironi. Guai a pensare che la qualificazione sia cosa fatta anche se sul campo austriaco sarà dura anche per il reds di Klop.

Da evidenzire nella notte alla Red Bull Arena, la prestazione super del giovane portiere azzurro Meret che, in più occasioni tiene il Napoli inpiedi barcollante sotto i colpi di un attacco del Salisburgo che gira alla perfezione, Haaland sbatte più volte sul muro alzato dal numero uno azzurro che effettua due interventi grandiosi a botta sicura del giovane norvegese, superandosi poco più tardi sul potente diagonale di Daka. Dopo l’ottima prestazione contro il Verona, per la seconda partita consecutiva Meret si conferma uno dei migliori in campo.

Un particolare elogio a Dries Mertens che con la doppietta messa a segno, raggiunge e supera nella classifica dei marcatori del Napoli, il D10s argentino piazzandosi al secondo posto dietro solo a Marek Hamsik che occupa il primo posto a 121 gol, 5 in più del talentuoso 14 azzurro. Superlativa infine l’esultanza al gol di Lorenzo Insigne che corre ad abbracciare mister Ancelotti scacciando via tutte le polemiche scaturite da alcune incompresioni tra i due, emozionante la faccia di Carletto sommerso dall’intera squadra che festeggia il gol vittoria del Magnifico.