Una turista si inginocchia e scatta una foto. Un monumento? Una chiesa antica? Nulla di tutto questo: la visitatrice sta immortalando la spazzatura che quasi impedisce ai pedoni di camminare sul marciapiede. Cumuli di rifiuti che nessuno rimuove da giorni. Siamo in via Santa Maria di Costantinopoli, nel cuore del Centro storico di Napoli, visitato ogni giorno da migliaia di turisti italiani e stranieri. Un vanto, questo per il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che però non ha forse compreso che all’aumento di visitatori in città registrato negli ultimi anni avrebbe dovuto corrispondere un seppure lieve miglioramento della pulizia, del decoro e magari anche dei servizi.

E invece l’emergenza rifiuti continua a rappresentare per la nostra città un problema diffuso con cui i turisti ma soprattutto i cittadini devono confrontarsi ogni giorno, e che nonostante le continue segnalazioni e le risposte in termini di promesse di intervento da parte dell’amministrazione, non trova soluzioni concrete. E allora ben venga il trionfo della cultura in città in tutte le sue forme, tirato sempre in ballo dal primo cittadino come risposta a chi attacca la rinascita del capoluogo campano. Ben vengano i primati come quello sottolineato ieri, sempre dal sindaco, con un post su Facebook sulla “Napoli primo set cinematografico all’aperto d’Italia” con i 900 film girati in città. Sì, la città piace tanto ai registi occasionali e ne siamo fieri, ma chi la vive sono i cittadini.