Napoli non è più pericolosa di altre città

da | Ott 16, 2019 | Cronaca

di Gennaro De Crescenzo

Napoli è al diciassettesimo posto per reati nel 2018 (Sole24Ore sui dati del Ministero degli Interni). Ai primi posti Milano (quasi il doppio dei reati in percentuale!), Rimini, Firenze, Bologna, Torino, Genova, Parma, Modena. Tutt’altro che ai primi posti anche per molti altri reati: per gli omicidi volontari primeggiano Trieste e Mantova e Napoli è solo al posto 36 con 0,7 omicidi ogni 100.000 persone. Significativi anche altri numeri pur sempre nella ovvia consapevolezza che anche dalle nostre parti si delinque e si dovrebbe farlo di meno: siamo dopo Trieste, Gorizia, Milano, Belluno o Torino per frodi informatiche; al 38° posto (!) per reati legati agli stupefacenti e (motivo di vanto) al posto 76 per le violenze sessuali (quasi il triplo, in percentuale, a Trieste, Rimini, Bologna e Milano). Nonostante i dati, però, alcuni idioti sostengono una tesi-frutto di condizionamenti di media (e fiction): “è falso perché a Napoli non denunciano”. I complessi di superiorità al Nord (si chiamerebbe razzismo) e di inferiorità al Sud (si chiamerebbe idiozia e servirebbero psicoanalisti bravi) sono difficili da cancellare. E così gli idioti non leggono neanche le relazioni che commentano. Premesso che evidentemente troppe Gomorre e troppi Giletti fanno male alla salute, ecco cosa scriveva qualche anno fa lo stesso Ministero: “Ciò non dipende, come sostengono alcuni, da una diversa propensione a denunciare i reati subiti sulla base di un supposto maggior senso civico di chi vive nelle regioni settentrionali”. E, continuava il Ministero: “Si smentisce l’opinione comune che tutti i reati siano in larga misura più frequenti nel Sud rispetto al Nord Italia. Si tratta di una credenza piuttosto diffusa e duratura nel tempo che si può far risalire alla scuola positivista italiana [v. il razzismo di Cesare Lombroso] alla fine del XIX secolo quando venivano attribuiti i più alti tassi di delinquenza – sia violenta che contro la proprietà – al meridione sulla base di aspetti razziali e indicatori socioeconomici delle due aree geografiche”. Del resto le ricerche accademiche di Cristante e Cremonesini hanno dimostrato che negli ultimi 30 anni di Napoli e del Sud nei media si racconta solo “la parte cattiva”. Del resto gli idioti subalterni di turno (anche di queste parti) non possono applicare la logica alle loro tesi: se risultiamo ai primi posti per gli scippi perché denunceremmo gli scippi e non gli omicidi? Dove nasconderemmo furbescamente i corpi? E perché mai dovremmo rinunciare ai risarcimenti delle assicurazioni o ai duplicati di tessere e carte di credito evitando le denunce? “Ah, saperlo”… (cit. del mio amico Riccardo Pazzaglia).

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te