Danesi, flashback anni 80 in passerella per la donna multirazziale.

da | Ott 14, 2019 | Cultura&Spettacolo

Non solo abiti in passerella per la collezione autunno inverno 2020 Daniela Danesi che ha aperto la sfilata con modelle e bandiere di tutti i paesi, per celebrare la donna multirazziale vittima di violenza e pregiudizio. La moda dunque come strumento di coesione sociale perchè espressione di libertà, grazie a colori e costumi di popoli e religioni differenti. L’iniziativa in sinergia tra la stilista Danesi e l’assessore comunale ai diritti alla cittadinanza Laura Marmorale, intervenuta alla manifestazione, si è concretizzata con un contributo alla cooperativa scoiale Dedalus Casa Karabà, in provincia di Napoli, che accoglie donne immigrate per l’accesso a percorsi professionali formativi in uscita dalla violenza. E così in 500 sono arrivati al Cenacolo Belvedere per il fashion cocktail “Flashback” ovvero la collezione ispirata agli anni ottanta ma con una nuova linfa e di assoluta tendenza. Le attrici Alessia Lamoglia dal set dei Bastardi di Pizzofalcone e Gina Amarante alis la fidanzata del principe in Gomorra, e poi Paola Rubino, Maria Consiglio Visco Marigliano, Diana Kuhne, Simona Gallipoli D’Errico, Anna Chiara Gravagnuolo, Daniela Villani, Sara Campaiola, Paola De Cambia, Gabriella Marchese, Maria Pia Mazzocca, Patrizia La Pia, Silvana Sica, Laura Varzi, Emanuela Musi, Marilí De Falco. In passerella, in edizione limitata per l’esclusività della fattura artigianale e la ricercatezza delle lane pregiate, il tessuto double in cachemire, protagonista indiscusso e novità assoluta di questa collezione. Cappe, cappotti e giacche reversibili dalle linee pure e geometriche, realizzati in due colori a contrasto, per dare una sferzata di energia alle creazioni invernali, perfetto per il periodo di Natale.
Le linee delle giacche sono a volte affusolate con spalle importanti oppure scivolate che accarezzano il corpo, dalla vestibilità confortevole ed avvolgente, con la nota graffiante di particolari inserti in vera pelle o cavallino stampato, maculato, zebrato o tinta unita. I tessuti, eccellenza del made in Italy, spaziano dal classico principe di galles micro e macro, pied de poule, scozzesi, stampe su seta purissima con fantasie esclusive, disegnate e firmate Daniela Danesi come quadri d’arte contemporanea, in colori accesi e brillanti, fucsia, petrolio, oppure bicolore zebrato nero e cammello.
Le gonne si allungano in giochi asimmetrici oppure decisamente corte, i pantaloni sono maschili o a zampa.
Le bluse si arricchiscono di stampe a foulard dai disegni arabeggianti o barocco.
La maglieria ha punti a rilievo, trecce, coste, giochi di colori ed inserti in pelle e seta, danno vita a capi dalle linee pure ed avvolgenti con giochi di asimmetrie ultramoderne. La capsule sera è sfavillante con tessuti e linee iridescenti che ricordano le folli notti dello Studio 54 a New York. Abitini a trapezio oppure abiti lunghi con geometrie che mettono in risalto il corpo, in velluto, ricchi e preziosi ricami su tulle, pois e paillettes. I colori, elemento fondante delle collezioni Danesi, spaziano dai toni del cammello e tortora nelle varie sfumature, bianco e panna, bianco e nero, i grigi screziati di bordeaux, il rosso, e il color block, colori forti e squillanti, rosa vitaminico, arancio, terra di siena, i gialli senapati, l’ottanio ed il turchese talcato. Partner della collezione fw2020 Danesi il food and baverage Galà Eventi di Paolo Tortora con bollicine e specialità dolci e salate, hair and beauty Francesco Beneduce My Backstage e celebrity makeup artist Genny Perla.
foto credit Gennaro Giorgio
“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te